16 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.08
Palermo

salma Aldo tumulata in cimitero

Clochard assassinato a Palermo, commozione ai funerali

22 Dicembre 2018

Si sono celebrati a Palermo i funerali di Aldo, il clochard francese ucciso la notte di domenica scorsa.

Presenti al rito funebre i rappresentanti cittadini di diverse confessioni religiose e il sindaco Leoluca Orlando, accompagnato da un gonfalone del Comune di Palermo. Tra i partecipanti, a piangere a dirotto per la tragica fine di Aldo, la ragazza, impiegata in un bar, che ogni mattina gli portava la colazione, sotto i portici di piazzale Ungheria, dove Aldo aveva posizionato il suo giaciglio per ripararsi dal freddo.

È stata lei a trovare Aldo morto e a chiamare immediatamente i soccorsi. Alla fine della cerimonia ha preso la parola una donna che ha ricordato la generosità e la dolcezza di Aldo, definito da molti “amico di tutti”.

Dopo i funerali, la salma è stata portata nel luogo del delitto e poi trasferita nel cimitero dei Rotoli, dove il Comune ha predisposto una tomba affinché il clochard possa riposare per sempre.

 

LEGGI ANCHE:

Clochard ucciso, confessa il rom arrestato: “L’ho fatto per rubargli i soldi”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.