Cna Catania sul regolamento comunale per le concessioni del suolo pubblico :ilSicilia.it
Catania

la nota

Cna Catania sul regolamento comunale per le concessioni del suolo pubblico

di
27 Dicembre 2021

Sono ben gravi le criticità derivanti dalle modifiche introdotte nel procedimento di rinnovo delle concessioni del suolo pubblico da parte del Comune di Catania”. A scriverlo in una nota è il Cna Catania.

La delibera del Consiglio comunale che ha subordinato il rinnovo di tutte le concessioni e le autorizzazioni concernenti attività produttive o commerciali alla regolarità del pagamento dei tributi locali (un risultato delle mere indicazioni del Decreto Crescita, serenamente ignorate da una moltitudine di enti locali in Italia) appare del tutto inopportuna, specialmente alla luce dello stato attuale in cui versano le imprese del settore. Stante il palese permanere della situazione epidemiologica che ha mutato il mondo come lo si conosceva fin nelle più piccole abitudini della quotidianità – prosegue -. Una nota ufficiale è già stata inviata al sindaco di Catania e a tutti i componenti del Consiglieri comunale. Nella comunicazione, sono stati ricordati i tanti mesi di chiusura obbligata e di forti limitazioni delle attività, con ovvia conseguente assenza di introiti, le distanze minime, le capienze massime di utenza consentite e, nelle ultime settimane, anche l’introduzione del green pass e del cosiddetto “super green pass”. L’assenza poi di turisti stranieri in conseguenza delle ulteriori misure restrittive adottate dal governo Draghi, il crollo degli eventi aziendali, l’abnorme aumento del costo di bollette e materie prime. Tra l’altro, la misura presa dall’amministrazione comunale etnea è antitetica rispetto a quella adottata appena pochi mesi prima con la quale, in considerazione dell’emergenza ancora in corso, si prevedeva la decurtazione del’85% del canone di suolo pubblico e del 60% della Tari”.

“La Cna di Catania ritiene a questo punto assolutamente necessario instaurare un rinnovato dialogo, serio e davvero costruttivo, tra amministrazione e parti sociali, al fine di rinvenire una soluzione duratura al problema. L’associazione degli artigiani delle piccole imprese etnee richiede altresì l’immediata proroga della vigenza delle concessioni in corso di almeno sei mesi, per evitare una situazione in cui vi sia l’impossibilità di fatto di richiedere la concessione del suolo pubblico in città – conclude -. La Cna ricorda da ultimo che il complesso delle attività di ristorazione nella sola Catania genera un’occupazione di quasi 10mila unità e il venir meno di un vitale strumento di lavoro (perché tale è lo sbocco all’aperto per molti esercenti) metterebbe in serio rischio il livello occupazionale cittadino, peraltro già precario in questo particolare momento storico”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.