CNA etnea: "Molto preoccupati dal dissesto del Comune di Catania, a rischio posti di lavoro" :ilSicilia.it
Catania

Buco da 1,6 miliardi per la Corte dei Conti

CNA etnea: “Molto preoccupati dal dissesto del Comune di Catania, a rischio posti di lavoro”

27 Luglio 2018

«È grande la nostra preoccupazione in merito alla dichiarazione di dissesto del Comune di Catania da parte della Corte dei conti regionale. Al di là dell’enorme cifra indicata dai magistrati contabili, quasi un miliardo e 600 milioni, che di certo rappresenta un macigno non da poco per il futuro della città, ci allarmano in particolare i 200 milioni di crediti delle imprese che potrebbero essere saldati solo in minima parte, causando il tracollo di molte aziende e la conseguente scomparsa di posti di lavoro». Lo hanno dichiarato Floriana Franceschini, presidente di Cna Catania, e Andrea Milazzo, segretario di Cna Catania.

«Inoltre, è da valutare anche come il dissesto possa comportare la perdita di nuove, importanti, opportunità di sviluppo, una contrazione nel reperimento di risorse, una complessiva diminuzione dell’attrattività di Catania per chiunque volesse investire. Le ricadute colpiranno tutti, anche nel semplice status di cittadino, magari non tanto nelle aliquote fiscali, già da anni tarate al massimo, ma sicuramente nella qualità dei servizi. I disagi saranno molteplici, specie per i meno abbienti, già provati da anni di incessante crisi economica.

Chiediamo dunque all’amministrazione Pogliese, certo assolutamente incolpevole della situazione e pur tuttavia chiamata a gestire una delle pagine più drammatiche nella storia di Catania, di studiare a fondo il ricorso da presentare, tentando un’ultima “carta”, doverosa da giocare nell’ottica del bene comune».

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.