25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Catania

Buco da 1,6 miliardi per la Corte dei Conti

CNA etnea: “Molto preoccupati dal dissesto del Comune di Catania, a rischio posti di lavoro”

27 Luglio 2018

«È grande la nostra preoccupazione in merito alla dichiarazione di dissesto del Comune di Catania da parte della Corte dei conti regionale. Al di là dell’enorme cifra indicata dai magistrati contabili, quasi un miliardo e 600 milioni, che di certo rappresenta un macigno non da poco per il futuro della città, ci allarmano in particolare i 200 milioni di crediti delle imprese che potrebbero essere saldati solo in minima parte, causando il tracollo di molte aziende e la conseguente scomparsa di posti di lavoro». Lo hanno dichiarato Floriana Franceschini, presidente di Cna Catania, e Andrea Milazzo, segretario di Cna Catania.

«Inoltre, è da valutare anche come il dissesto possa comportare la perdita di nuove, importanti, opportunità di sviluppo, una contrazione nel reperimento di risorse, una complessiva diminuzione dell’attrattività di Catania per chiunque volesse investire. Le ricadute colpiranno tutti, anche nel semplice status di cittadino, magari non tanto nelle aliquote fiscali, già da anni tarate al massimo, ma sicuramente nella qualità dei servizi. I disagi saranno molteplici, specie per i meno abbienti, già provati da anni di incessante crisi economica.

Chiediamo dunque all’amministrazione Pogliese, certo assolutamente incolpevole della situazione e pur tuttavia chiamata a gestire una delle pagine più drammatiche nella storia di Catania, di studiare a fondo il ricorso da presentare, tentando un’ultima “carta”, doverosa da giocare nell’ottica del bene comune».

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.