Code infernali sulla SS114: a Taormina torna l'idea della rotonda a Spisone :ilSicilia.it
Messina

traffico in tilt in vari orari

Code infernali sulla SS114: a Taormina torna l’idea della rotonda a Spisone

di
25 Agosto 2021

Ancora lunghe code sulla Ss114 di Taormina ed è ormai una vera e propria odissea quotidiana quella che si vive nella zona a mare della città, lungo la strada statale della località turistica ionica, soprattutto nel tratto tra Spisone e Mazzeo (e quindi la vicina Letojanni).

L’incolonnamento che si verificava in passato in alcune giornate e soprattutto nel mese di agosto sino a ferragosto, quest’anno sta proseguendo anche oltre e si sta verificando in diverse fasce orarie.

Se un tempo le code c’erano soprattutto nel pomeriggio al rientro delle persone dal mare, o magari la sera quando si va verso Taormina centro e c’erano i grandi concerti (quando il Teatro Antico in epoca pre-pandemia poteva accogliere quasi 5 mila persone), stavolta la situazione di caos veicolare è diventata una costante. Il traffico si paralizza soprattutto all’incrocio tra la Via Nazionale (Ss114) ed il punto in cui c’è chi va verso il casello autostradale e chi invece in direzione Taormina centro per imboccare la Via Garipoli.

E anche per questo torna d’attualità la richiesta di non pochi utenti della strada che possa essere rivalutata l’idea di realizzare una rotonda in quel tratto che diventa un vero e proprio imbuto. Già negli anni scorsi si era parlato di questa soluzione, che per altro era stata proposta al Comune anche dalla Polizia municipale, in quanto ritenuta una soluzione in grado di far scorrere il traffico e garantire una maggiore sicurezza. Due i punti individuati per una eventuale rotonda: o all’altezza della Ss114 o qualche metro più a monte. Tuttavia, la rotonda non è stata realizzata e probabilmente l’idea non è stata presa in considerazione con la necessaria convinzione per valutare almeno la fattibilità e l’utilità della stessa. All’incrocio di Spisone si incontrano i flussi di chi sale o scende tra Taormina centro e la zona a mare, chi va verso Spisone e Mazzeo e chi invece verso Isola Bella e Mazzarò e chi si dirige verso il casello autostradale o all’inverso dal casello si muove verso la zona a mare.

C’è di tutto, insomma, in termini di flussi veicolari e soprattutto in piena estate si crea una sorta di “tappo” alla viabilità che, di riflesso, blocca sia la circolazione nella zona a mare che verso il centro di Taormina. Ecco perchè questa situazione diventa snervante per tanti automobilisti ed è anche un problema per i mezzi di soccorso che rischiano di restare intrappolati nelle lunghe code quotidiane. Senza contare che in quell’incrocio si sono verificati più volte degli incidenti. E allora ripensare la viabilità in zona diventa una necessità assoluta, almeno per capire se una rotonda possa essere davvero la soluzione risolutiva.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin