Codex Festival 2020, Vol. 8: i nuovi linguaggi dell'arte a Noto :ilSicilia.it
Siracusa

IL PROGRAMMA

Codex Festival 2020, Vol. 8: i nuovi linguaggi dell’arte a Noto

di
2 Settembre 2020

I nuovi linguaggi dell’arte – teatro contemporaneo, musica, cinema e danza – per due giorni invadono il centro storico di Noto, tra il Convitto delle arti e il Teatro Noto d’estate, passando per la Sala degli Specchi, la Ex Chiesa di Santa Caterina e la Sala Gagliardi.

E’ Codex Festival vol. 8, l’evento in programma nella città barocca sabato 12 e domenica 13 settembre con la direzione artistica di Salvatore Tringali e la collaborazione di Comune di NotoTeatro Tina Di LorenzoCollettivo Vionnet e alcune aziende private che hanno deciso di sostenere l’iniziativa.

Salvatore Tringali

Credevamo fortemente che fosse importante esserci – commenta Tringali – soprattutto quest’anno, l’anno della resistenza, l’anno horribilis per tutto il mondo, l’anno in cui tutte le nostre certezze hanno vacillato. E il moto di questo spostamento è ancora ben visibile ai nostri occhi. Allora abbiamo pensato di utilizzare questo moto per prendere la rincorsa e staccare un grande salto che ci permetta di lasciarci alle spalle il baratro“.

In assoluta sicurezza, rispettando il distanziamento e utilizzando le mascherine, il 12 e 13 settembre prossimi si alterneranno 4 spettacoli teatrali: “Meter” di Miriam Scala“Miracolo” di Giuseppe Massa“Piccola patria” di Lucia Franchi e Luca Ricci, “Comu veni Ferrazzano” di Giuseppe Provinzano, la proiezione dello short film “Finestre” di Orazio Condorelli e Mauro Maugeri4 Open Act a cura del Collettivo Vionnet, una tavola rotonda, contemporaneamente in diretta Facebook, con la collaborazione di Arcipelago Sicilia – Osservatorio per i festival della scena contemporanea. Prevista anche la presentazione del libro “Lo spettatore è un visionario” (Editoria & Spettacolo) tra audience development e audience engagement. Dialoga con Luca Ricci (coautore del libro con Lucia Franchi), Filippa Ilardo (coordinatrice di Arcipelago Sicilia).

IL PROGRAMMA

Sabato 12 settembre 2020

Ore 12.00 Sala degli specchi Palazzo Ducezio: Presentazione Festival

Ore 17.00 Ex Chiesa di Santa Caterina: Short film “Finestre” di Orazio Condorelli e Mauro Maugeri

Ore19.00 Convitto delle Arti: Open act Katarticon con Giuliano Logos

Ore 19,30 Convitto delle Arti: Spettacolo teatrale “Meter Tygater”, regia e drammaturgia Aurora Miriam Scala con Mariachiara Pellitteri e Aurora Miriam Scala, produzione “Bottega del pane young”

Ore 21.00 Teatro Noto d’estate: Open act Katarticon con Andrea Saitta

Ore 21,15 Teatro Noto d’estate: Spettacolo teatrale “Miracolo” scritto e diretto da Giuseppe Massa con Glory Arekekhuegbe, Paolo Di Piazza e Marco Leone, produzione Sutta Scupa

Domenica 13 settembre

Ore 11.00 Sala Gagliardi: tavola rotonda, contemporaneamente in diretta Facebook, con la collaborazione di Arcipelago Sicilia – Osservatorio per i festival della scena contemporanea. La presentazione del libro “Lo spettatore è un visionario” (Editoria & Spettacolo, 2019) tra audience development e audience engagement. Dialoga con Luca Ricci (coautore del libro con Lucia Franchi) Filippa Ilardo, coordinatrice di Arcipelago Sicilia

Ore 19.00 Teatro Noto D’estate: Open act Katarticon con Sebastiano Mignosa

Ore 19,30 Teatro Noto D’estate: Spettacolo teatrale “Piccola Patria”, ideazione e drammaturgia Lucia Franchi e Luca Ricci con Simone Faloppa, Gabriele Paolocà, Gioia Salvatori, produzione Capotrave/ Infinito

Ore 21.00 Convitto delle Arti: Open act Katarticon con Valerio Piga

Ore 21,15 Convitto delle Arti: Spettacolo teatrale “Comu veni Ferrazzano” di e con Giuseppe Provinzano, produzione Babel e Museo Internazionale delle marionette Pasqualino.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin