Collaboratori scolastici ex Lsu Palermo: via libera alla stabilizzazione :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Approvato emendamento in finanziaria

Collaboratori scolastici ex Lsu Palermo: via libera alla stabilizzazione

di
29 Novembre 2017

Sarà un Natale felice e sereno per i 519 collaboratori scolastici ex Lsu di Palermo. Dopo 20 anni di precariato arriva finalmente un concorso riservato per la stabilizzazione. Lo prevede un emendamento alla manovra finanziaria, firmato dalla senatrice di Ap Simona Vicari e dal senatore del Pd Giuseppe Lumia, approvato nella notte dalla Commissione Bilancio del Senato.

La soluzione era già stata annunciata nell’ottobre scorso. Il governo e la maggioranza hanno quindi rispettato gli impegni. La legge è approdata in Aula questa mattina e sarà deliberata al massimo entro domani. Successivamente passerà alla Camera dove sono previste alcune modifiche e tornerà blindata a Palazzo Madama per l’approvazione definitiva, prima dell’inizio delle vacanze.

Sarà il bando, che dovrà essere pubblicato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge, a determinare le modalità e i termini per la partecipazione alla selezione. Le assunzioni, infatti, dovranno tenere conto dei posti in organico di diritto attualmente accantonati. Potranno essere stabilizzati anche coloro che hanno un contratto di lavoro a tempo parziale, mentre non sarà possibile incrementare le ore lavorative o trasformare i contratti da part time a full time, se non in presenza di risorse certe e stabili.

La dotazione prevista è 3,5 milioni nel 2018 e 8,7 milioni a decorrere dal 2019. Il personale che non rientrerà in posizione utile sarà iscritto in apposito Albo da cui potranno attingere gli enti territoriali, sempre nel rispetto del fabbisogno e della sostenibilità finanziaria. In attesa del concorso i contratti sono prorogati fino ad agosto 2018.

 

Esultano i sindacati per il risultato raggiunto, dalla Felsa Cisl di Palermo e Trapani, che su Twitter pubblica il testo dell’emendamento e scrive “gioia infinita”, alla UilTemp siciliana, che attraverso i suoi responsabili Gianni e Danilo Borrelli parla di “fine di un calvario” e promette di continuare a “monitorare la vicenda affinché il percorso sia legale e garantito”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti