Collesano: presidio antincendio senza mezzi, protesta il sindaco :ilSicilia.it
Palermo

OPERATORI IN DIFFICOLTÀ

Collesano: presidio antincendio senza mezzi, protesta il sindaco

di
25 Settembre 2019

Il sindaco di Collesano, Giovanni Battista Meli, ritorna a denunciare il paradosso nel quale si trovano gli operai forestali del presidio antincendio, in contrada Rascata. Davanti alle fiamme, gli operatori potrebbero usare solo ramazze e ginestre, perché privi di autobotte.

Parliamo – precisa Meli – del presidio antincendio a Collesano, comune da cui sono partiti i grandi incendi che, in passato, hanno raggiunto anche Cefalù. Ricordo uno dei giorni in cui accadde: dovettero sgombrare pure l’ospedale”.

E aggiunge: “Qui ci sono gli operai che non possono fare assolutamente nulla nel momento in cui vengono chiamati. Ci sentiamo presi in giro: prima ci mandano un’autobotte senza manutenzione che, scesa in strada, ha fuso il motore; poi una jeep senza freni e, infine, questo mezzo che non è nelle condizioni di operare, privo com’è di radio e con problemi ai supporti, al motore, alla pompa per azionare l’autobotte. Se scoppia un incendio, lo stiamo a guardare. Si tratta di mezzi che a fine stagione sono messi in officina per una manutenzione che non hanno mai avuto: questa è la conferma che qualcosa non funziona”.

Una denuncia quella del sindaco all’indirizzo del presidente Musumeci e dell’assessore regionale del Territorio e dell’Ambiente, Cordaro: “Presidente, abbiamo tanto parlato di cambiamenti nel momento in cui la vostra amministrazione sarebbe giunta, per incidere sui governi precedenti con una metodologia completamente diversa. Non è cambiato assolutamente nulla e questo è molto grave“.

Meli era stato candidato a sostegno proprio di Musumeci nel corso delle ultime elezioni regionali, senza raggiungere il risultato utile di un seggio all’Ars. E continua: “L’assessore Cordaro ha preso i voti e li ha presi anche in questo territorio, quindi è giusto che lui faccia quello che è il suo preciso dovere. Aiutateci, perché ci troviamo in una situazione di emergenza. Non è il mese di settembre o le condizioni meteorologiche mutate che devono farci stare tranquilli“.

Anche in questo periodo sono scoppiati incendi “e i presidi – ricorda Meli – si trovano a 10-12 chilometri di distanza. Assessore Cordaro la prego di essere sensibile e di fare il suo preciso dovere. Se domani dovesse scoppiare un incendio e dovesse succedere quello che è già successo in un territorio così vasto, come farebbe lei a giustificare tutto quello che sta accadendo nonostante l’allarme lanciato?

Il territorio è economicamente depresso e sconta la piaga devastante dello spopolamento: “Non possiamo permetterci – chiosa Meli – di non salvaguardare la sua bellezza naturale se vogliamo avere ancora la speranza di mantenere la gente in questa terra”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin