Collesano: presidio antincendio senza mezzi, protesta il sindaco :ilSicilia.it
Palermo

OPERATORI IN DIFFICOLTÀ

Collesano: presidio antincendio senza mezzi, protesta il sindaco

di
25 Settembre 2019

Il sindaco di Collesano, Giovanni Battista Meli, ritorna a denunciare il paradosso nel quale si trovano gli operai forestali del presidio antincendio, in contrada Rascata. Davanti alle fiamme, gli operatori potrebbero usare solo ramazze e ginestre, perché privi di autobotte.

Parliamo – precisa Meli – del presidio antincendio a Collesano, comune da cui sono partiti i grandi incendi che, in passato, hanno raggiunto anche Cefalù. Ricordo uno dei giorni in cui accadde: dovettero sgombrare pure l’ospedale”.

E aggiunge: “Qui ci sono gli operai che non possono fare assolutamente nulla nel momento in cui vengono chiamati. Ci sentiamo presi in giro: prima ci mandano un’autobotte senza manutenzione che, scesa in strada, ha fuso il motore; poi una jeep senza freni e, infine, questo mezzo che non è nelle condizioni di operare, privo com’è di radio e con problemi ai supporti, al motore, alla pompa per azionare l’autobotte. Se scoppia un incendio, lo stiamo a guardare. Si tratta di mezzi che a fine stagione sono messi in officina per una manutenzione che non hanno mai avuto: questa è la conferma che qualcosa non funziona”.

Una denuncia quella del sindaco all’indirizzo del presidente Musumeci e dell’assessore regionale del Territorio e dell’Ambiente, Cordaro: “Presidente, abbiamo tanto parlato di cambiamenti nel momento in cui la vostra amministrazione sarebbe giunta, per incidere sui governi precedenti con una metodologia completamente diversa. Non è cambiato assolutamente nulla e questo è molto grave“.

Meli era stato candidato a sostegno proprio di Musumeci nel corso delle ultime elezioni regionali, senza raggiungere il risultato utile di un seggio all’Ars. E continua: “L’assessore Cordaro ha preso i voti e li ha presi anche in questo territorio, quindi è giusto che lui faccia quello che è il suo preciso dovere. Aiutateci, perché ci troviamo in una situazione di emergenza. Non è il mese di settembre o le condizioni meteorologiche mutate che devono farci stare tranquilli“.

Anche in questo periodo sono scoppiati incendi “e i presidi – ricorda Meli – si trovano a 10-12 chilometri di distanza. Assessore Cordaro la prego di essere sensibile e di fare il suo preciso dovere. Se domani dovesse scoppiare un incendio e dovesse succedere quello che è già successo in un territorio così vasto, come farebbe lei a giustificare tutto quello che sta accadendo nonostante l’allarme lanciato?

Il territorio è economicamente depresso e sconta la piaga devastante dello spopolamento: “Non possiamo permetterci – chiosa Meli – di non salvaguardare la sua bellezza naturale se vogliamo avere ancora la speranza di mantenere la gente in questa terra”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.