Colombiana uccisa dalla vicina di casa, l'indagata: "Ho agito per legittima difesa" :ilSicilia.it
Catania

il fatto

Colombiana uccisa dalla vicina di casa, l’indagata: “Ho agito per legittima difesa”

di
6 Febbraio 2021

Ha agito per legittima di difesa. E’ la tesi sostenuta da Georgeta Colesnicenco, la 47enne romena fermata due giorni fa dalla polizia per l’omicidio di una 42enne colombiana, ferita mortalmente con una coltellata all’addome, a Catania durante una lite tra vicini di casa.

Durante l’interrogatorio di garanzia reso davanti al Gip, la donna ha sostenuto di “essere stata aggredita all’interno della propria abitazione, da tre persone, compresa la donna deceduta“, che, “colpendola con violenti calci, pugni e spintoni”, le avrebbero “provocato lesioni sul collo“. Ferite che, secondo l’indagata, le sarebbero state “riscontrate e refertate” prima del suo ingresso nel carcere Pagliarelli di Palermo dove è detenuta.

La linea di difesa è contenuta nella richiesta di incidente probatorio presentata al Gip dal suo legale, l’avvocato Pietro Ivan Maravigna. Il penalista chiede che “venga disposta una perizia sul corpo” della sua assistita per “accertare la sussistenza di tale riferite lesioni” a quando risalgono e per “chiarire se siano state autoinferte” o se la donna sia “stata vittima di un’aggressione”.

Il Gip si è riservato di decidere. L’avvocato Maravigna, nel rendere nota la sua iniziativa, sottolinea come “grazie all’impegno di Ilaria Cucchi e ad associazioni come ‘Nessuno tocchi Caino’ oggi non entra nessuno in una struttura carceraria senza essere stato prima sottoposto ad una visita medica”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin