Colpo di scena al processo Borsellino, Scarantino ritratta: "Di Matteo e Petralia non c'entrano col depistaggio" :ilSicilia.it
Palermo

Il falso pentito fa dietrofront: "Furono solo i poliziotti"

Colpo di scena al processo Borsellino, Scarantino ritratta: “Di Matteo e Petralia non c’entrano col depistaggio”

di
29 Maggio 2019

Copo di scena inatteso al processo sul depistaggio (ormai accertato con la sentenza Trattativa) sulla strage di via D’Amelio.

In aula a Caltanissetta il falso pentito Vincenzo Scarantino ritratta le pesanti accuse che aveva rivolto ai pm: “Il dottor Di Matteo non mi ha mai suggerito niente, il dottor Carmelo Petralia neppure. Mi hanno convinto i poliziotti a parlare della strage. Io ho sbagliato una cosa sola: ho fatto vincere i poliziotti, di fare peccare la mia lingua e non ho messo la museruola…”.

Alla sbarra oggi ci sono tre poliziotti: Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Matteiaccusati di concorso in calunnia aggravata dall’avere agevolato Cosa nostra.

Scarantino
Scarantino

Scarantino in passato aveva accusato i giudici all’epoca in servizio a Caltanissetta: i pm Antonino Di Matteo, Annamaria Palma e Carmelo Petralia ma anche Giovanni Tinebra.

Oggi la clamorosa retromarcia: sentito, in controesame ha indicato solo nei tre poliziotti gli autori delle pressioni che lo indussero a mentire sulla strage del 19 luglio 1992 in cui morì Paolo Borsellino.

Una versione, che gli è stata contestata dall’avvocato Rosalba Di Gregorio, legale di Gaetano Murana, uno degli accusati ingiustamente per la strage ora costituito parte civile. Scarantino ha reagito alla contestazione attribuendo ai poliziotti imputati ogni responsabilità e di avere saputo da loro, e non direttamente dalla Procura, che la polizia si muoveva d’intesa con i magistrati.

Avv. Rosalba Di Gregorio
Avv. Rosalba Di Gregorio (Frame: TGR Sicilia)

“I poliziotti mi hanno fatto credere che i magistrati sapevano ogni cosa”, dice. “Io mi trovavo nel deserto dei tartari – continua – La Polizia mi aveva convinto che poliziotti del gruppo ‘Falcone e Borsellino’ e i magistrati fossero la stessa cosa ecco perché sono arrivato ad accusare i magistrati. Se io ho coinvolto i magistrati è perché i poliziotti mi hanno fatto credere che fossero un’unica cosa”.

E ancora: Arnaldo La Barbera (che era a capo del gruppo investigativo) aveva uno strapotere”.

L’indagine nei confronti dei magistrati era partita dopo la rivelazione fatta da Scarantino nel settembre del ’98. Ma anche dopo Scarantino aveva tirato in ballo Annamaria Palma e Giovanni Tinebra.

Oggi, a sorpresa, la retromarcia. E sui dubbi di pressioni, lui dichiara: “Non mi ha contattato nessuno”.

 

LEGGI ANCHE:

Depistaggio Borsellino: “Scarantino aveva il numero di Di Matteo e altri pm”

Depistaggio via D’Amelio: udienza per i 3 poliziotti sotto accusa. Fiammetta Borsellino: “Non hanno agito da soli”

 

Borsellino quater. Secondo la legale Di Gregorio ci sarebbero “anomalie sul caso Scarantino”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro