"Coltivare il futuro": ecco il progetto sperimentale esposto alla Biennale di Venezia | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

Nell'ottica di ri-abitare Gibellina Nuova

“Coltivare il futuro”: ecco il progetto sperimentale esposto alla Biennale di Venezia | Video interviste

di
21 Giugno 2018

Guarda le video interviste in alto 

PALERMO – “Coltivare il futuro” è il titolo del progetto sperimentale realizzato dallo Studio AM3 Architetti Associati composto da Marco Alesi, Cristina Calì, Alberto Cusumano con l’architetto Vincenzo Messina, che vede come focus d’intervento Gibellina e il restauro dell’incompiuto Teatro di Pietro Consagra.

Il progetto, realizzato per le strategie territoriali in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo, a cura del professore Maurizio Carta e l’artista gibellinese Giuseppe Zummo, è attualmente esposto a Venezia alla Biennale Architettura 2018, “Padiglione Italia“, inteso quest’anno dal curatore Mario Cucinella non solo come spazio espositivo di opere, progetti e buone pratiche ma come un’opportunità per trasformare l’analisi tecnica in proposte concrete.

Cucinella ha coinvolto in questa sfida un collettivo interdisciplinare con architetti, urbanisti, esperti della progettazione partecipata, fotografi, rappresentanti delle università locali ed altri consulenti, chiedendo loro di lavorare su cinque aree strategiche per il rilancio dei territori interni del Paese, attraverso lo sviluppo di progetti sperimentali che possano diventare strumento di discussione e ausilio anche per le comunità e gli amministratori locali.

Gibellina, e la Valle del Belice per intero, si inseriscono perfettamente in questa visione.

Alberto Cusumano

Il progetto parte dall’idea di poter ri-abitare Gibellina Nuova trovando nelle sue attuali potenzialità le leve per una rinascita. Attraverso una fase di ascolto e di coinvolgimento della popolazione è stata individuata una vocazione territoriale trainante per un’ipotesi di sviluppo locale, ovvero la promozione di una filiera agroalimentare di qualità.

Tutto ciò si traduce nella riprogettazione degli spazi interni del Teatro incompiuto di Pietro Consagra come luogo di ricerca, didattica e socialità e nella realizzazione di un parco agricolo urbano.

Entrando nel merito, il Teatro viene interpretato nella sua natura scultorea e viene ri-abitato da un nuovo edificio che si innesta sulla sua griglia strutturale, occupandone solo parzialmente il volume: lo spazio del teatro originale, diventa una piazza pubblica sopraelevata accessibile da diversi sistemi di risalita che scorrono indipendenti sui fronti interni della scultura. Il basamento, invece, liberato e reso permeabile mediante una modifica del suolo, accoglie un mercato coperto dei prodotti agricoli.

AM3 Architetti

L’edificio risulterà completamente immerso in uno spazio pubblico nuovo, aperto a una pluralità di usi che potranno essere ridefiniti anche nel corso del tempo. Il parco, invece, rappresenta una natura addomesticata e produttiva che entra nella città e serve al duplice obiettivo di dare densità vegetale ad un centro urbano spoglio e riconnettere trasversalmente le due aree dell’abitato.

Parole chiave, dunque, sono urbanità e ruralità per una visione che vuole concretizzare un laboratorio territoriale che conduca allo sviluppo, per la prima volta in Italia, del binomio “arte e vita sana“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.