Comandare è meglio di... :ilSicilia.it
Palermo

Il leader dei socialisti Carlo Vizzini, ha già stretto un accordo politico con il professore Orlando per le prossime elezioni

Comandare è meglio di…

di
28 Gennaio 2017

Una “super orgia” di politici sta per invadere la campagna elettorale del centro sinistra di Palermo. E se il sindaco Orlando per l’ennesima volta si propone come salvatore del capoluogo siculo, questa tornata amministrativa non vede nulla di nuovo. Solo una selvaggia promiscuità politica.

Mi spiego meglio. Dopo 4 anni di legislatura orlandiana, il big match per il “centro sinistra” della prossima competizione elettorale è sempre lo stesso. Come se fossimo in un ring, notiamo che ai due angoli stanno gli stessi personaggi: Il sindaco Leoluca Orlando e l’evergreen Fabrizio Ferrandelli, ex deputato regionale del Pd, che dopo essersi dimesso da Palazzo d’Orleans ha creato una sua lista (i Coraggiosi) per la corsa a sindaco.

Nel duemilaedodici il sindaco Orlando era sostenuto da: Italia dei valori, Verdi, Rifondazione comunista, Liste civiche. Mentre Ferrandelli aveva dalla sua parte: il Partito democratico, i vendoliani di Sel; e anche per lui, qualche lista civica, che non guasta mai.

Ad oggi il quadro politico è cambiato. Mentre la campagna per Ferrandelli è in grave crisi in quanto è indagato per voto di scambio politico-mafioso (elezioni 2012), quella parte di politica che ha contestato Orlando in questi anni, magicamente lo sostiene per le prossime elezioni.

Primo tra tutti il Pd, che attraverso le dichiarazioni del sottosegretario alla Salute, Davide Faraone fa ‘l’occhiolino’ ad Orlando.

Io sono impegnato a costruire questo campo largo nel centrosinistra che tenga dentro da Orlando a tutte le forze che stanno rafforzando l’azione. Non è un problema di simboli, a noi interessa presentare alle amministrative di Palermo un unico candidato del centrosinistra perché vogliamo vincere“. Raccontava qualche settimana fa il renziano Faraone ai giornalisti. Una dichiarazione che fa sbigottire anche il più bipolare d’Italia, in quanto nel dicembre del 2015 sempre l’onorevole Faraone dichiarava: “Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando è rimasto ancorato alla preistoria, sia rispetto agli uomini che lo sostengono sia rispetto alle idee su come si governa una città“.

Anche il ministro della Prima Repubblica e leader dei socialisti Carlo Vizzini, ha già stretto un accordo politico con il professore Orlando per le prossime elezioni. “L’obiettivo è tenere unito tutto il centrosinistra nella candidatura di Leoluca Orlando – ha spiegato Carlo Vizzini – La nostra è una scelta politica chiara e lavoreremo perché tutti i partiti che fanno parte dell’area di centrosinistra possano guidare la città di Palermo“.

E mentre Leoluca Orlando ha arruolato qualche giorno fa proprio Vizzini come consulente per i rapporti tra l’amministrazione comunale e il Palermo calcio, il socialista di ferro nel 2012 la pensava in modo diverso. La politica non è un mestiere. Io ho la stessa età di un altro candidato a sindaco (Orlando, ndr), ma penso che se uno ha competenza ed esperienza deve metterla al servizio dei giovani per ridare dignità a una generazione maltrattata da anni“. Raccontava nel 2012, Carlo Vizzini, partecipando al teatro Zappalà di Palermo alla manifestazione pubblica del candidato sindaco, Fabrizio Ferrandelli e rispondendo a distanza all’ex portavoce di Italia dei Valori che come slogan della sua campagna elettorale aveva scelto lo slogan “Lo sa fare“.

Sull’altra riva del fiume di queste comunali, pare che, in maniera non ufficiale, “Mister 61 a 0” (così chiamato perchè nel 2001 da coordinatore di Forza Italia sull’Isola fece vincere al suo partito tutti i collegi uninominali), Gianfranco Miccichè si stia mobilitando per Fabrizio Ferrandelli insieme ai cuffariani. Ora sembra smentire tutto, domani chissà.

I politici italiani ci hanno abituato al trasformismo galoppante. Questa campagna elettorale sarà abbastanza grottesca. Sarà densa di conferenze stampa in cui la parola “moralità” e “amore”  verranno usate senza fine.

Ecco. Proprio durante tutte queste belle frasi, proprio durante lo sfoggio delle cravatte luccicanti dei politici, ecco,  che deve balzarvi alla mente un unica certezza. L’unica verità di ogni campagna elettorale in Italia. “Comandare è meglio che fottere”. 

Comandare è meglio di...
© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti