Come andato questo giro? :ilSicilia.it

Quindi dovrei credere che tutto è cambiato?

Come andato questo giro?

di
23 Luglio 2021

E come è andato questo giro”, chiese il vecchio saggio poggiando il mento sul bastone al Genio di Palermo, seduto accanto a lui, su quella panchina di marmo all’ombra nell’assolata piazza.

E come vuoi che sia andata, non sei qui anche tu da secoli insieme a me a guardare le sorti di questa buttanissima città”.

Rispose il vecchio: “amunì ca chistu ha statu bravu e la saputu fari, prima nni canuscianu nta lu munnu ppi quattru lazzaruna, camora nveci vennu di tutti li banni ppi canusciri e visitari la città”.

Il genio rispose: “zapperai all’acqua se tenterai di portare dalla tua parte li cristiani, picchi a sta serpi nta lu cuoddru, chista ma criscivi io e sugnu sicuru che non appena mi distraggo, mi muzzicherà ppi ammazzarimi, e u sai picchi? Non perché io sugnu u re e porto la corona in testa, ma picchi a serpe fa u so doviri, è nna so natura, nun canusci affetto e riconoscenza”.

“Tu cercherai tra li nemici di cu cumanna e chisti malgrado su i nemici da cuntintizzi, l’ha pututo taliari nna facci e tanu dittu tuttu chiddru ca t’avianu a diri, ma chi tradirà e muzzicherà sono proprio coloro ca ta crisciutu e t’ha civatu, hannu vissutu di la to potenza e in nome tuo hanno fattu così di cui sapiennilu t’avissi a vriugnari eppure nel momento in cui u re vacillerà, nel momento in cui non avrai cchiu la forza di camparitilli saccorderanno ppi meno di trenta danari”.

E ne verranno altri, ma c’ha fari casu, li serpi sarannu sempri li stissi”.

Accussi dici amicu mio?

Si caro vicchiarieddru, rispose il Genio. Gli eroi su tutti muorti cu ristatu ha trovato il suo prezzo. Li vedi come furmicole che s’affannanu e si dunanu da fari, chi si espone nun vali nienti, cu stavi darria

Prestai attenzioni e vidi che quel vecchio aveva tratti che mi assomigliavano in quel sogno.

Forse sollecitato dalle prime schermaglie elettorali alla distanza, anche la mia mente stava tirando le somme, ponendosi il solito dilemma ma in modo onirico.

Quindi dovrei credere che tutto è cambiato? Dovrei credere che in questo periodo non esistono più tutte le cose di cui ci siamo lamentati e abbiamo parlato male? Addio questo e quest’altro? La concorrenza finalmente ha permesso a chiunque di poter competere con pari chance? Non ci sono più le ingiustizie e il cittadino viene rispettato quale contribuente e di conseguenza significa che le tasse le pagano ormai già tutti?

Amici miei, ci non è accaduto e non accadrà mai perché da buon matematico so che questa curva nella più ottimistica delle previsioni sarà asintotica ma non toccherà mai lo zero, perché l’opposizione non esistite non perché tutto sarà andato bene, ma perché chiunque ha reputato opportuno stare tranquillo.

Ammettiamolo siamo sempre quelli del “curri quantu vuoi ca cca t’aspiettu”, n’assittamu e stiamo a guardare nella speranza che qualcuno risolva i problemi per noi e che ce ne dia n’anticchia mentre ci lasci libero di poter dire: “schifiu!

Avete mai visto “una opposizione” come politicamente veniva battezzata, dalle nostre parti?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario perché hai visto mai che domani non possiamo essere alleati e mi possa aiutare? Io non capisco nulla di politica ma comprendo di sport ed  come se il centravanti dell’inter un domani decidesse di giocare per il Milan! Come, già avviene pure questo? Non esistono più le bandiere? Ahh esistono ancora e voi le chiamate “bandiere di cannavazzo”.

No io intendevo un altro tipo di bandiera, i simboli, gli ideali sotto i quali raccogliersi. Comprendo adesso perché troviamo le soluzioni nel passato, cerchiamo sempre i “tinti canusciuti”, ritorniamo sempre al passato per avere certezze, anche a patto di raccontarlo in maniera diversa e raccontare il passato avendo dimenticato tutte le cose che non ci conviene ricordare.

È un modo feudale di continuare a vivere, il padrone dietro le quinte e gli sgherri sul campo. Ne vedremo delle belle, un abbraccio, Epruno.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin