Comiso, non si ferma all'alt della Polizia: arrestato per resistenza a pubblico ufficiale :ilSicilia.it
Ragusa

il fatto

Comiso, non si ferma all’alt della Polizia: arrestato per resistenza a pubblico ufficiale

di
8 Aprile 2021

La sera della Vigilia di Pasqua, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio intensificati nel periodo delle festività Pasquali pianificati in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto di Ragusa e disposti in ambito provinciale dal Questore di Ragusa Giusi Agnello, i poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Comiso hanno tratto in arresto in flagranza di reato un cittadino straniero, O.S., di anni 39, per resistenza a pubblico ufficiale.

Verso le ore 20.00 del 3 aprile scorso, durante il pattugliamento del centro storico di Comiso, gli Agenti notavano uno straniero in atteggiamento sospetto, che circolava a bordo di un motociclo, decidendo di procedere al suo controllo per verificare le motivazioni che lo avevano indotto ad uscire di casa nel periodo “Zona Rossa”, stabilito a livello Nazionale. Lo straniero, accorgendosi della presenza dei poliziotti, accelerava bruscamente la marcia dirigendosi verso la chiesa Maria Santissima Annunziata, nei cui pressi dei fedeli si accingevano ad entrare per partecipare alla funzione religiosa, nel tentativo di confondersi con loro.

Nonostante l’Alt impostogli dagli Agenti, l’uomo procedeva a velocità sostenuta la velocità superando pericolosamente da entrambi i lati della carreggiata i veicoli in transito, ponendo in serio pericolo la circolazione stradale e quella dei pedoni in transito. Ne scaturiva un breve inseguimento per le vie del centro urbano, durante il quale il fuggitivo perdeva il controllo del motociclo, scivolando per terra, ma rialzandosi velocemente per continuare la fuga a piedi. Lo straniero veniva quindi rincorso da uno degli Agenti e prontamente raggiunto, iniziando a sferrare calci e pugni sino all’Operatore nel tentativo di fuggire. Con l’aiuto dell’altro Agente che sopraggiungeva immediatamente in soccorso del collega, l’uomo veniva definitivamente contenuto e posto in sicurezza.

In tale circostanza, il primo poliziotto riportava traumi alla spalla ed al ginocchio giudicati guaribili in 10 giorni s.c.

Lo straniero, già noto alle forze dell’ordine e con una richiesta di permesso di soggiorno in corso per motivi di lavoro, veniva condotto presso gli Uffici del locale Commissariato dove, compiute tutte le attività di rito, veniva tratto in arresto e sottoposto agli arresti domiciliari su disposizione del Pubblico Ministero di turno.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin