15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22

Il vicepresidente del gruppo del Ppe è intervenuto alla sessione plenaria

Comitato delle regioni, Armao: “I siciliani siano europei a pieno titolo”

10 Ottobre 2018

La Commissione Ue modifichi la proposta di Regolamento europeo per il nuovo meccanismo di collegamento dell’Europa post 2020, rafforzando il rilievo della condizione di insularità per Regioni come la Sicilia che pagano un costo insopportabile” afferma il vicepresidente della Regione siciliana e vicepresidente del gruppo del Ppe, Gaetano Armao, intervenendo alla sessione plenaria del Comitato delle Regioni dedicata al parere presentato dalla relatrice Isabelle Boudineau, vicepresidente del Parlamento della Nuova Aquitania.

Per attenuare i costi di insularità e rafforzare la coesione territoriale ed economico-sociale, la giunta regionale siciliana ha già approvato una specifica delibera di impulso verso il governo nazionale e la commissione europea – ha proseguito Armao -. Qui proseguiamo un percorso che deve puntare a far divenire i siciliani europei a pieno titolo, a partire dal settore dei trasporti e dalla cosiddetta continuità territoriale. Non é possibile che i costi dell’insularità in Sicilia, a partire dai trasporti, comprimano i diritti di cittadinanza e danneggino le imprese. Oggi facciamo un passo avanti”.

Il parere ha riguardato la proposta di parere relativa al meccanismo per collegare l’Europa (Connecting Europe Facility – CEF) per il periodo successivo al 2020 che stanzia 42 miliardi di euro per la realizzazione di infrastrutture moderne e di elevata efficienza, che contribuiscano all’interconnessione e all’integrazione dell’Unione.

Il Comitato per le Regioni ha così approvato gli emendamenti al parere, sottolineando la necessità di tutelare le Regioni insulari nei settori dei trasporti, delle telecomunicazioni e dell’energia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.