Commercianti e artigiani propongono un documento di modifica alle Ztl :ilSicilia.it
Palermo

Il documento presentato è stato firmato dai presidenti delle associazioni di categoria

Commercianti e artigiani propongono un documento di modifica alle Ztl

di
20 Dicembre 2016

Le associazioni di categoria chiedono una revisione della Ztl a Palermo.A cominciare dagli orari in cui sono attive fino al costo del pass e ai percorsi: Confartigianato, Confimprese e Cidec (Confederazione Italiana degli Esercenti e Commercianti) hanno proposto una serie di modifiche alle zone a traffico limitato di Palermo. Il documento presentato è stato firmato dai presidenti delle associazioni di categoria: Nunzio Reina, presidente di Confartigianato Palermo, Giovanni Felice, presidente Confimprese Palermo e Salvo Bivona presidente Cidec.

Attualmente le Ztl sono attive dalle ore 8 alle 20 dal lunedì al venerdì e sabato dalle 8 alle 13, mentre le tre associazioni di categoria propongono la variazione dell’orario per cui sarebbero attive dal lunedì al sabato dalle 6 alle 15 in ragione del traffico che coincide con l’apertura e la chiusura di scuole e uffici.

I commercianti e gli artigiani chiedono di  poter iscrivere nelle white list giornaliere le auto dei clienti  con un pass giornaliero da rilasciare dopo le 10 del mattino per un costo di 2 euro.

L’amministrazione comunale ha aperto alcuni varchi per consentire il raggiungimento di piazze e di parcheggi anche privati: le associazioni propongono invece che i varchi individuati e i percorsi si trasformino in strade parcheggio dove sia possibile lasciare i veicoli almeno da un lato, cosi come previsto dal Piano generale del traffico urbano. Andrebbero inserite anche nuove strade parcheggio attraverso percorsi prestabiliti.

ztl3

Confartigianato, Cidec e Confimprese propongono anche il cambiamento dei due percorsi: il percorso A andrebbe da Porta Felice – l’ingresso lato mare di corso Vittorio Emanuele – fino all’altezza di Piazzetta delle dogane e sarebbe in doppio senso di marcia. Da piazzetta delle dogane a Via porta di Castro invece sarebbe a senso unico di marcia in direzione di via Roma. Il percorso di ritorno sarebbe quello che parte da Piazza Marina, nel tratto immediatamente parallelo a Corso Vittorio Emanuele. Il secondo percorso, il percorso B, prevede l’ingresso da via Lincoln per proseguire su via Carlo Raso, via Gaetano Filangeri, via Carlo Botta, via Magione, Via Garibaldi, Corso dei Mille per uscire di nuovo in Via Lincoln.

I parcheggi: “Nell’attuale configurazione i varchi realizzati dall’amministrazione non hanno sortito gli effetti sperati in quanto i posteggi creati finiscono per essere impegnati per l’intera giornata dagli stessi soggetti senza che si realizzi alcun turn over”, commentano le associazioni, che propongono il divieto di sosta nelle strade parcheggio dalle 7 alle 10. “Come misura di razionalizzazione della sosta ma anzitutto per ridurre l’utilizzo del mezzo privato per gli spostamenti casa-lavoro e casa-scuola” spiegano.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.