Commercianti e artigiani propongono un documento di modifica alle Ztl :ilSicilia.it
Palermo

Il documento presentato è stato firmato dai presidenti delle associazioni di categoria

Commercianti e artigiani propongono un documento di modifica alle Ztl

20 Dicembre 2016

Le associazioni di categoria chiedono una revisione della Ztl a Palermo.A cominciare dagli orari in cui sono attive fino al costo del pass e ai percorsi: Confartigianato, Confimprese e Cidec (Confederazione Italiana degli Esercenti e Commercianti) hanno proposto una serie di modifiche alle zone a traffico limitato di Palermo. Il documento presentato è stato firmato dai presidenti delle associazioni di categoria: Nunzio Reina, presidente di Confartigianato Palermo, Giovanni Felice, presidente Confimprese Palermo e Salvo Bivona presidente Cidec.

Attualmente le Ztl sono attive dalle ore 8 alle 20 dal lunedì al venerdì e sabato dalle 8 alle 13, mentre le tre associazioni di categoria propongono la variazione dell’orario per cui sarebbero attive dal lunedì al sabato dalle 6 alle 15 in ragione del traffico che coincide con l’apertura e la chiusura di scuole e uffici.

I commercianti e gli artigiani chiedono di  poter iscrivere nelle white list giornaliere le auto dei clienti  con un pass giornaliero da rilasciare dopo le 10 del mattino per un costo di 2 euro.

L’amministrazione comunale ha aperto alcuni varchi per consentire il raggiungimento di piazze e di parcheggi anche privati: le associazioni propongono invece che i varchi individuati e i percorsi si trasformino in strade parcheggio dove sia possibile lasciare i veicoli almeno da un lato, cosi come previsto dal Piano generale del traffico urbano. Andrebbero inserite anche nuove strade parcheggio attraverso percorsi prestabiliti.

ztl3

Confartigianato, Cidec e Confimprese propongono anche il cambiamento dei due percorsi: il percorso A andrebbe da Porta Felice – l’ingresso lato mare di corso Vittorio Emanuele – fino all’altezza di Piazzetta delle dogane e sarebbe in doppio senso di marcia. Da piazzetta delle dogane a Via porta di Castro invece sarebbe a senso unico di marcia in direzione di via Roma. Il percorso di ritorno sarebbe quello che parte da Piazza Marina, nel tratto immediatamente parallelo a Corso Vittorio Emanuele. Il secondo percorso, il percorso B, prevede l’ingresso da via Lincoln per proseguire su via Carlo Raso, via Gaetano Filangeri, via Carlo Botta, via Magione, Via Garibaldi, Corso dei Mille per uscire di nuovo in Via Lincoln.

I parcheggi: “Nell’attuale configurazione i varchi realizzati dall’amministrazione non hanno sortito gli effetti sperati in quanto i posteggi creati finiscono per essere impegnati per l’intera giornata dagli stessi soggetti senza che si realizzi alcun turn over”, commentano le associazioni, che propongono il divieto di sosta nelle strade parcheggio dalle 7 alle 10. “Come misura di razionalizzazione della sosta ma anzitutto per ridurre l’utilizzo del mezzo privato per gli spostamenti casa-lavoro e casa-scuola” spiegano.

 

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.