Commercio, l'allarme di Reina (Confesercenti): "Chiusure domenicali disastrose" :ilSicilia.it

Una situazione pesantissima

Commercio, l’allarme di Reina (Confesercenti): “Chiusure domenicali disastrose”

di
20 Novembre 2020

Il vice presidente della Camera di commercio di Palermo ed Enna e responsabile attività produttive Confesercenti Sicilia Nunzio Reina ha parlato della decisione della giunta regionale di chiudere le attività commerciali la domenica, tracciando poi un quadro categoria per categoria più che allarmante della situazione delle attività.

Reina ha parlato “di situazione drammatica” e di un quadro che non può che peggiorare: “Molti negozianti  avevano cominciato a prepararsi in vista delle festività natalizie. Serviva maggiore programmazione, sono categorie già tartassate che ora subiranno perdite disastrose che non potranno essere colmate nemmeno in un anno di lavoro”.

“Molte pasticcerie si ritroveranno con tanta merce invenduta che dovranno buttare – prosegue Reina – ma si possono fare altri esempi: ad esempio i fioristi che saranno obbligati a rimanere chiusi nei giorni di maggior richiesta, la domenica e i festivi e i panificatori saranno costretti ad abbassare la saracinesca la domenica mentre gli abusivi saranno liberi di vendere i prodotti senza fornire alcuna garanzia igienico sanitaria: una situazione paradossale”.

Un altro capitolo riguarda i parrucchieri, forse tra le categorie, prosegue il rappresentante dei commercianti,
“maggiormente penalizzate”.”Con l’obbligo di asporto, bar e ristoranti perdono una fetta di entrate, ma vengono garantiti dallo Stato. Noi, invece, stando aperti con poca gente che circola ci ritroviamo nella stessa condizione ma senza alcun aiuto e una perdita per il settore stimata tra il 50 e il 60 per cento”.

In difficoltà anche i negozi di abbigliamento già fiaccati durante il primo lockdown: “In questo periodo i negozianti si preparano alle vendite di Natale. Il timore condiviso è che si ritroveranno il 25 dicembre con la merce invenduta e danni economici incalcolabili”.

Un quadro allarmante testimoniato anche dai numeri: dopo un miglioramento nella prima parte dell’anno, nella seconda invece “c’è stato un crollo e le cancellazioni delle imprese sono state notevoli rispetto alle iscrizioni”. Per questo motivo,   Reina lancia un appello: “Per ciò che riguarda tutta la tassazione nazionale noi non chiediamo un rinvio, ma l’annullamento perché quest’anno non abbiamo lavorato. Altrimenti l’eventuale ristoro che riceveremo servirà soltanto per pagare le tasse. Alla fine, quindi, l’aiuto reale non sarà mai arrivato. Noi chiediamo invece l’anno bianco di tassazione per tutto il 2020 solo così potremo risalire la china – conclude – diversamente dovremo chiudere”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin