Compagnia aerea siciliana, il presidente dell'Ast vola spedito. Ma nessuno sa nulla nel governo Musumeci :ilSicilia.it

L'indiscrezione

Compagnia aerea siciliana, il presidente dell’Ast vola spedito. Ma nessuno sa nulla nel governo Musumeci

di
14 Agosto 2020

Il presidente dell’Ast Gaetano Tafuri, avvocato catanese fedelissimo di Raffaele Lombardo, appare deciso nel volare spedito verso il progetto di costituzione di una nuova compagnia aerea siciliana. Il presidente della Regione Nello Musumeci circa un anno fa aveva dato incarico agli addetti ai lavori di valutare la fattibilità dell’ambiziosa idea di una compagnia aerea made in Sicily, visti i problemi legati ai biglietti troppo cari sull’Isola. Una iniziativa alla quale, sembra, il presidente Tafuri abbia dato un’accelerata notevole. Forse un po’ troppo, tanto che dalle parti di Palazzo d’Orleans non sarebbero stati al corrente di questi passi avanti.

Rispetto all’input del governatore di un anno fa, insomma, il presidente dell’Ast starebbe seguendo un suo percorso autonomo. Dalle parti della giunta, però, sarebbero caduti dalle nuvole. L’assessore Marco Falcone è colui che sottoscrive il contratto di servizio in tema di mobilità, mentre l’assessore all’Economia Gaetano Armao ha il controllo e la vigilanza degli atti posti in essere delle società partecipate. Entrambi ad oggi sarebbero all’oscuro di come il presidente Tafuri si stia muovendo riguardo alla costituzione della nuova compagnia di volo: pare, infatti, non risulti alcuna carta depositata presso gli uffici preposti. Stessa cosa in commissione Bilancio, dove i deputati dell’Ars dovrebbero discutere della nascita di questo progetto. Sembra non esserci alcuna traccia di alcun verbale di costituzione di una compagnia aerea siciliana a Palazzo dei Normanni.

Quali sono i passi avanti in questione? Al momento siamo alle voci, ma parrebbe che attraverso un ramo della partecipata l’avvocato Tafuri abbia già impegnato delle quote per la nuova compagnia di volo. Indiscrezioni che gettano un alone di mistero sulla nascita della compagnia di volo siciliana.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47