"Compriamo nei negozi di Palermo", esponenti della Lega contro gli acquisti online :ilSicilia.it
Palermo

OBIETTIVO: SALVARE LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

“Compriamo nei negozi di Palermo”, esponenti della Lega contro gli acquisti online

di
20 Novembre 2020

Compriamo nei negozi di Palermo e non online.

Questo è in sintesi il messaggio pubblicato da alcuni esponenti della Lega del capoluogo siciliano, per sensibilizzare i cittadini ad acquistare prodotti sul territorio in vista delle festività natalizie. L’obiettivo è chiaro: aiutare i commercianti nel difficile periodo della pandemia covid-19.

L’INIZIATIVA

Una presa di posizione che spacca l’opinione pubblica: da un lato chi vuole aiutare le piccole e medie imprese a sopravvivere, dall’altro chi sottolinea i vantaggi e la comodità dell’e-commerce.

Le chiusure dettate dai DPCM, nonché le limitazioni sul fronte della mobilità, rischiano di fiaccare ancora di più i consumi in città. Questo a tutto vantaggio dell’e-commerce, sistema che permette non solo di acquistare con facilità, ma con il servizio di consegna. Una concorrenza “sleale” per il piccolo negozio che non ha ancora effettuato il passaggio al digitale.

Così diversi rappresentanti del Carroccio hanno deciso di scrivere dei post a tema. Fra questi, il capogruppo della Lega Igor Gelarda che ha scritto: “Per Natale non acquistiamo su siti internet, rechiamoci in negozio. Sosteniamo i commercianti siciliani comprando da loro“. Un’idea alla quale si è allineato anche l’avvocato Stefano Santoro, noto tesserato del movimento di Matteo Salvini, che ha invitato i palermitani a “boicottare” Amazon per acquistare in loco.

Intanto però, la nuova ordinanza regionale emessa ieri sera prevede la chiusura domenicale delle attività commerciali. Ciò fatta eccezione per farmacie, parafarmacie, tabaccherie ed edicole e del domicilio per i prodotti alimentari, dei combustibili per uso domestico e per riscaldamento. L’obiettivo è quello di limitare il diffondersi del coronavirus, ma al contempo si finisce inevitabilmente per limitare ancora di più le possibilità di incasso per negozi ed attività commerciali.

 

IL POST DI IGOR GELARDA

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin