Comunali 2018: compie 100 anni e vota | FOTO :ilSicilia.it
Ragusa

Intanto votano pure i candidati sindaco

Comunali 2018: compie 100 anni e vota | FOTO

di
10 Giugno 2018

RAGUSA – Oggi ha compiuto 100 anni e ha voluto esercitare il proprio diritto al voto. Mario Blangiardi, ragusano ed ex agente di polizia penitenziaria, ha votato all’interno della residenza sanitaria assistita dell’Asp di Ragusa. Il centenario ha ricevuto la visita del sindaco uscente di Ragusa, Federico Piccitto, che non si è ricandidato.

Intanto proseguono le operazioni di voto nei 138 comuni chiamati al rinnovo di sindaci e consigli comunali, tra cui Catania, Messina, Ragusa, Siracusa e Trapani. Urne aperte fino alle 23, poi lo spoglio delle schede.

Ecco le immagini di alcuni dei candidati alla carica di sindaco mentre votano nei seggi nelle principali città.

Ezechia Paolo Reale
Enzo Bianco
Cateno De Luca
Gaetano Sciacca
Antonio Saitta
Fabio Granata
Emilia Barrile
Giuseppe Calabrese
Giovanni Randazzo
Fabio Moschella
Francesco Italia
© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin