Comunali, i leghisti siciliani: "Siamo i nuovi protagonisti della politica nell'Isola" :ilSicilia.it

i commenti ai risultati delle urne

Comunali, i leghisti siciliani: “Siamo i nuovi protagonisti della politica nell’Isola”

di
29 Aprile 2019

I leghisti siciliani esultano per i risultati che vedono il partito guidato da Matteo Salvini attestato come forza politica protagonista in tutti i comuni in cui era presente con una propria lista. Con due diversi comunicati intervengono per commentare il voto amministrativo i responsabili degli enti locali del Carroccio in Sicilia Fabio Cantarella e Igor Gelarda.

Per Igor Gelarda, che è anche capogruppo in Consiglio comunale a Palermo, nonché candidato del Carroccio alle elezioni europee il 26 maggio nel collegio Sicilia e Sardegna: “La Lega cresce bene in Sicilia, ormai siamo un partito a forte presa popolare. La linea del buon governo tracciata da Matteo Salvini è stata recepita dai siciliani, così come nel territorio è sotto gli occhi di tutti la crescente strutturazione del partito avvenuta negli ultimi sei mesi con il sostegno del senatore Stefano Candiani, commissario della Lega nell’Isola. I risultati ci lasciano più che soddisfatti con ottimi risultati delle liste in tutti i comuni. Due candidati sindaco della Lega, a Mazara del Vallo e a Gela, vanno al ballottaggio, e un terzo, sfiorato a Bagheria, che se pur civico era supportato dalla Lega, significano molto in una terra dove il malgoverno l’aveva fatta da padrone”.

“E anche dove non siamo andati al ballottaggio – conclude Gelarda – come a Monreale e a Caltanissetta, i risultati dicono che la Lega avanza. Adesso sono certo che i nostri candidati sindaco al ballottaggio, l’unica alternativa valida per la crescita dei nostri territori, otterranno la fiducia dei cittadini”.

“Alla luce dei risultati parziali dei comuni chiamati alle urne credo si possa dire che la Lega sia la vera novità di questa tornata elettorale. Raggiungiamo per la prima volta percentuali importanti nelle città siciliane e i nostri candidati sindaci raccolgono successi inimmaginabili fino a poco tempo fa”. A sottolinearlo è Fabio Cantarella, che oltre ad essere anch’egli responsabile enti locali per la Lega è assessore nella giunta di centrodestra al comune di Catania.

“A Motta Sant’Anastasia – spiega Cantarella – viene trionfalmente riconfermato al primo turno il nostro candidato Anastasio Carrà mentre a Mazara del Vallo e Gela i nostri candidati Giorgio Randazzo e Giuseppe Spata sono arrivati con coraggio, coerenza e passione al ballottaggio contro i vecchi arnesi della politica siciliana. Emozionanti anche i risultati raggiunti a Caltanissetta da Oscar Aiello e a Monreale da Giuseppe Romanotto con la sola lista della Lega. Stiamo raccogliendo i primi frutti del lavoro certosino del commissario regionale Stefano Candiani e della nuova classe dirigente della Lega in Sicilia”. 

“Il grande merito – conclude – però va al nostro leader Matteo Salvini che giorno dopo giorno dimostra di amare questo paese e di mettere gli italiani al primo posto. Credo che i ballottaggi e le prossime elezioni europee confermeranno questa tendenza più che positiva. Per chi come me ha aderito alla Lega cinque anni addietro e per tanto tempo è stato l’unico amministratore locale della Lega in Sicilia, oggi è un grande giorno” conclude Cantarella.

LEGGI ANCHE:

Comunali, Salvini esulta: “Grazie ai siciliani, c’è voglia di cambiamento”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.