Comunali Messina 2018. Ardizzone e Notarianni verso la nomination :ilSicilia.it
Banner Bibo
Messina

Al via le grandi manovre per la sindacatura

Comunali Messina 2018. Ardizzone e Notarianni verso la nomination

di
5 Dicembre 2017

Si avvicina l’appuntamento con le elezioni amministrative 2018 anche a Messina e le “grandi manovre” per la sindacatura iniziano ad entrare nel vivo. Il sindaco in carica, Renato Accorinti, è pronto alla ricandidatura e proverà a bissare l’impresa del 2013 in una campagna elettorale che stavolta appare, tuttavia, destinata ad essere più complicata e più imprevedibile. Chi è già da tempo candidato e ha deciso di scendere in campo prima ancora del terremoto giudiziario che lo ha investito è Cateno De Luca, il deputato di Sicilia Vera. L’ex sindaco di Santa Teresa di Riva e Fiumedinisi, dopo l’assoluzione dalle accuse per il “Sacco di Fiumedinisi” e dopo la recente revoca degli arresti domiciliari per la vicenda della presunta evasione fiscale inerente il Caf Fenapi, ha ingaggiato una dura battaglia che dalle aule di tribunale si è spostata ora all’esposto alla Commissione Antimafia per la cancellazione dalla lista degli “Impresentabili“.

La partita per la sindacatura vedrà protagonista con molta probabilità Giovanni Ardizzone, l’ex presidente dell’Assemblea Regionale rimasto fuori dagli eletti proprio all’Ars e che adesso sarebbe intenzionato a dare l’assalto alla prima carica della Città Metropolitana. Il gruppo politico guidato da Gianpiero D’Alia, in questa direzione, punterebbe ad una convergenza politica con il Partito Democratico sulla nomination di Ardizzone. Un’impresa possibile ma tutt’altro che semplice perché i Democratici ambiscono anche loro alla sindacatura della città e in questi giorni si sta anche consolidando l’asse tra il Rettore dell’Università di Messina, Pietro Navarra, e l’ex deputato di Sicilia Futura, Beppe Picciolo, che disegnerebbe altre trame politiche e un’altra candidatura per Palazzo Zanca.

Alla sindacatura ambirebbe anche l’ex assessore regionale Aurora Notarianni, che già alle Amministrative 2013 andò ad un passo dalla candidatura e che, stando ad alcune voci, avrebbe incassato un impegno morale per le Comunali dall’ex governatore Rosario Crocetta quando sul finire della legislatura regionale venne nominata in Giunta. Attorno al nome della Notarianni ci sarebbe il gradimento della sinistra, e non solo dei Crocettiani ma anche di alcuni ambienti del Pd.

Si attendono le mosse del centrodestra ed anche qui bisognerà capire quali effetti produrrà la bufera giudiziaria che ha investito per l’ennesima volta Francantonio Genovese, insieme stavolta al figlio Luigi, neoletto all’Ars. Non è un mistero che, volente o nolente, il peso elettorale di Genovese, rimasto inalterato anche dopo le vicissitudini giudiziarie dell’ex parlamentare ed ex sindaco della città, rappresenterà il “fattore x”, in grado di spostare gli equilibri delle prossime Amministrative a Messina. Nel centrodestra sono in tanti ad osservare la situazione, e a valutare l’opportunità di tentare la candidatura a sindaco e tra questi l’esponente di Forza Italia Nino Germanà, rimasto fuori dagli eletti e che comunque guarda anche ad un posto in lista per le Nazionali. Ma resta anche possibile una discesa in campo di Francesco Stagno d’Alcontres, sul quale punterebbe Energie per l’Italia.

Al successo punterà anche il Movimento Cinque Stelle e su questo fronte c’è l’ipotesi che la candidatura a sindaco possa essere affidata alla prima degli eletti tra i grillini alle Regionali, Valentina Zafarana, ritenuta tra i pentastellati il nome in grado di dare la scalata a Palazzo Zanca. La deputata messinese nelle prossime settimane sceglierà se restare per l’intera legislatura appena iniziata a Palermo o se mettersi in gioco per la sfida politica delle Comunali 2018.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti