Comunali Palermo, c'è anche il "giallo" di tre candidati per una stessa coalizione :ilSicilia.it
Palermo

Fuoco amico nel centrodestra

Comunali Palermo, c’è anche il “giallo” di tre candidati per una stessa coalizione

di
17 Maggio 2017

Durante la registrazione delle liste per le prossime amministrative di Palermo, a Palazzo Jung, c’è stato un “giallo” legato alla quinta circoscrizione: la coalizione a sostegno del candidato sindaco Ferrandelli si è spaccata sul candidato alla presidenza, e così ora in corsa risultano tre candidati. Si partiva già con due nomi, poi l’ Udc ha presentato il suo candidato.

I tre aspiranti presidenti alla quinta circoscrizione sono: Andrea Aiello, sostenuto da 9 liste (fra le quali sono “Palermo per Fabrizio”, “Città nuova” di Marianna Caronia e “Palermo prima di tutto”) Paolo Di Maggio per Forza Italia e Paolo Lo Cacciato, Udc.

Tiziana Lo Cacciato

“Da una parte c’è l’entusiasmo di 9 giovani candidati che non possono essere allontanati dalla politica e dall’altra la necessità di una scelta – dice Tiziana Lo Cacciato, capolista UDC al consiglio e sorella del candidato alla presidenza Paolo – La sola scelta possibile era posizionarsi da soli e non appoggiare uno dei due candidati. Non avevamo scelta. Tutte le liste erano pronte per le altre circoscrizioni, compresa la quinta, poi qui la sorpresa, ma non si poteva eliminare una lista di 9 candidati solo perché non si trova un accordo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin