Comunali, tutti i nomi dei sindaci eletti e di chi va al ballottaggio :ilSicilia.it

I risultati delle elezioni amministrative

Comunali, tutti i nomi dei sindaci eletti e di chi va al ballottaggio

29 Aprile 2019

Erano 34 i comuni siciliani che andavano alle urne ieri 28 aprile. Ecco i nomi di tutti i sindaci eletti al primo turno  in Sicilia nella tornata elettorale e di chi se la giocherà ai ballottaggi – nei comuni di Caltanissetta, Gela, Castelvetrano, Mazara del Vallo e Monreale – che si terranno il 12 maggio.

Per quel che riguarda la provincia di Agrigento, ad Alessandria della Rocca vince Giovanna Bubello. A Caltabellotta, dovrebbe farcela Calogero Cattano Naro, anche se il dato non è ancora definitivo. A Racalmuto passa Vincenzo Maniglia, mentre a Santa Elisabetta il nuovo sindaco è Domenico Gueli.

Caltanissetta era l’unico dei capoluoghi di provincia che andava alle urne. Qui andranno al ballottaggio il candidato del centrodestra Michele Giarratana, e quello del Movimento Cinque Stelle, Roberto Gambino. A Gela se la giocheranno Lucio Greco e il candidato di Lega e Fratelli d’Italia Giuseppe Spata. Vincenzo Marino eletto a primo turno a Mazzarino. Nell’Ennese, l’unico comune in cui si votava era Aidone. Qui ha avuto la meglio Nuccio Chiarenza.

In provincia di Palermo, a Bagheria passa Filippo Tripoli, mentre a Bompietro ecco Pier Calogero D’Anna. A Borgetto passa Luigi Garofalo. A Cinisi arriva Gian Giacomo Palazzolo. A Monreale andranno al ballottaggio Alberto Arcidiacono appoggiato da liste civiche di destra e Diventerà Bellissima, e il sindaco uscente Piero Capizzi. A Roccamena passa Giuseppe Palmeri.

Diversi i comuni in cui si votava nella provincia di Catania: ad Aci Castello passa Carmelo Scandurra. A Motta Sant’Anastasia confermato il leghista Anastasio Carrà. A Ragalna arriva Salvatore Chisari, mentre a Zafferana Etnea ecco Salvatore Russo.

Nel Messinese si andava al voto a Brolo, dove passa il candidato sindaco Pippo Laccoto. A Condrò vince Giuseppe Pietro Catanese, mentre a Forza d’Agrò ad avere la meglio è Bruno Miliadò. A Leni passa Giacomo Montecristo. A Longi arriva Antonino Fabio. A Mandanici passa Giuseppe Briguglio. A Oliveri il sindaco è Francesco Iarrera, mentre a Rometta arriva Nicola Merlino. A Spadafora passa Tania Venuto, a Tortorici, invece, ecco Emanuele Galati Sardo.

Nella provincia di Trapani si votava nei comuni di Calatafimi, dove passa Antonino Accardo, e Castelvetrano: qui andranno al ballottaggio Calogero Martire del centrodestra ed Enzo Alfano del Movimento Cinque Stelle. A Mazara del Vallo vanno al ballottaggio Salvatore Quinci e il leghista Giorgio Randazzo. A Salaparuta vince Vincenzo Drago. A Salemi, infine, sindaco è Domenico Venuti.

Leggi anche: 

Amministrative, i risultati in Sicilia: Lega bene ma non sfonda, male i 5 Stelle. Ecco chi ha vinto

Tag:
Cultura
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.