Comune, Di Dio:" Pratiche a rilento, a breve novità su informatizzazione" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

L'intervista al Presidente dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo

Comune, Di Dio:” Pratiche a rilento, a breve novità su informatizzazione” | VIDEO

di
10 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Vincenzo Di Dio, presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo e assessore comunale all’Edilizia Privata interviene sulle difficoltà dello smaltimento di alcune pratiche al Comune e del futuro dell’Ordine in vista del rinnovo del Consiglio.

“Mi sono insediato a marzo 2020 e dopo 15 giorni abbiamo vissuto lockdown totale con la difficoltà degli uffici di recuperare questi tre mesi persi. La fine del 2020 e l’inizio del 2021 sono state caratterizzate dallo smartworking che non sempre è una modalità di lavoro realmente fruibile. Ci sono attività pienamente informatizzate che sono idonee per essere sviluppate anche da casa, altre lo sono molto meno. Tutto questo ha determinato inevitabili ritardi e disagi che cercheremo di colmare . Credo molto nell’informatizzazione perché razionalizza e facilita ma serve metabolizzarla e digerirla. A breve ci saranno novità sulle piattaforme informatiche nell’edilizia privata del Comune per ridurre il gap che si è creato”.

L’insediamento di Di Dio fra gli assessori della Giunta di Leoluca Orlando, aveva creato qualche perplessità dovuta principalmente alla carica di Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo. “Mi piace raccontare – sottolinea Di Dio – da dove è nato questo impegno come assessore al Comune. Ci lamentiamo spesso che non c’è osmosi tra politica, mondo professionale e culturale. Negli anni Settanta era scontato ad esempio che Spadolini, leader del partito repubblicano fosse un intellettuale e non un politico. Di certo non voglio paragonarmi a lui ma, il lavoro fatto dall’Ordine è stato valutato positivamente cosicché in u momento in cui si è dovuto scegliere un assessore per l’edilizia privata, la giunta e il sindaco hanno deciso di investire nei rappresentanti degli ordini professionali. E’ stato un anno difficile, perché mi sono dovuto calare in una macchina che non conoscevo e poi non sono stato particolarmente fortunato”. 

Se l’attività da assessore non è semplice, quella di Presidente dell’Ordine è altrettanto complessa. Oltre alla gestione ordinaria dell’ufficio e del suo funzionamento che permette di offrire servizi agli iscritti, occorre incidere sul territorio per migliorare la qualità e la vivibilità delle attività professionali. In un momento in cui in Italia si parla di transizione ecologica e digitale, di Pnrr , di governo del territorio, la parola chiave è “formazione”. In particolare, fra gli obiettivi dell’Ordine, c’è quello di potenziare il raccordo con la provincia palermitana. “La mia idea è creare una commissione con dei rappresentanti dei singoli comuni che possano essere  referenti diretti presso il Consiglio. Molto spesso ci sono delle problematiche che noi non conosciamo oppure, ci sono problematiche già risolte in altre comuni e che, condividendo buone prassi possono essere risolte”, ha concluso Di Dio.

Maggiore sinergia ma non solo. Per Di Dio, la pandemia ha anche sviluppato molte opportunità, soprattutto nel campo della formazione. La modalità online consente infatti agli ingegneri di aggiornarsi con facilità e tranquillità, motivo per cui anche in futuro, con l’emergenza sanitaria alle spalle, si potrebbe comunque continuare in modalità agile.

Rispetto ai ritardi in merito al rinnovo del Consiglio, Di Dio spiega che i motivi sono principalmente due: la pandemia e un ricorso rispetto alla presenza di quote rosa. “La qualità delle colleghe – sottolinea il Presidente – prescinde dal fatto che siano o meno donne. Inoltre, il Covid ha obbligato tutti gli Ordini, tra cui il nostro, a rinviare le elezioni. Farle online presuppone l’esistenza di una piattaforma. Il Consiglio nazionale degli Ingegneri ha fatto una gara per acquisire questa piattaforma, la scadenza è per la prossima settimana e da lì, si partirà”.

 

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin