Comune di Messina, De Luca azzera le posizioni del personale: "Stop al bivacco"| Video :ilSicilia.it
Messina

Monito agli impiegati di Palazzo Zanca

Comune di Messina, De Luca azzera le posizioni del personale: “Stop al bivacco”| Video

di
18 Luglio 2018

 

Il neosindaco di Messina, Cateno De Luca, azzera le posizioni organizzative al Comune e lancia subito, pubblicamente, con apposito videomessaggio, un chiaro monito al personale di Palazza Zanca, invitato “a non bivaccare per i corridoi”.

“Cari colleghi impiegati di Palazzo Zanca – afferma De Luca nel videomessaggio postato sulla sua pagina social e rivolto al personale del Comune di Messina – mi giunge voce che si parla un pò troppo del provvedimento che ho chiesto al segretario generale e al capo di gabinetto di Palazzo Zanca di mettere in pratica per annullare le P.O. (Posizioni Organizzative) e le A.P. (Alte Professionalità). Io vi invito a pensare a lavorare e ad evitare di bivaccare nei corridoi e soprattutto presso la macchinetta del caffè. Oggi ve lo mando a dire in modo spassionato e cordiale. Da domani adotteremo altri provvedimenti. Cortesemente chiedo sobrietà e che ciascuno pensi a lavorare, perché il 27 di ogni mese lo stipendio arriva prima per voi e forse per altri no”.

De Luca, con apposita nota, ha chiesto la revoca in autotutela dei contratti di conferimento delle P.O. e delle A.P., invitando gli uffici di Palazzo Zanca a porre in essere entro e non oltre 2 giorni dal ricevimento della presente disposizione” gli atti conseguenziali. “La richiesta – ha evidenziato De Luca – scaturisce dalla disastrosa situazione economico finanziaria dell’ente, che impedisce di garantire i servizi minimi alla comunità, ulteriormente gravata da un costo di 2 milioni 100 mila euro annui, derivante dall’applicazione di questi contratti, rientranti nel mero ambito di valutazione discrezionale politico-amministrativa”.

Il personale in servizio presso l’Ente, stando ad una ricognizione effettuata dal sindaco e dalla Giunta di Messina è al momento di 1.447 unità lavorative, per un costo complessivo annuo di circa 46 milioni di euro, così distribuiti: 19 dirigenti; 158, nella categoria D3; 180, D1; 581, C3; 101, B3; 219, B1; e 189, A1. I contratti già firmati relativi alle posizioni organizzative sono 107, mentre 16 sono le alte professionalità.

“Tali figure, che complessivamente sono 123, – ha dichiarato il sindaco comportano un aumento di costo di circa 2 milioni e 100 mila euro l’anno. Manifesto quindi la mia perplessità e contrarietà e ho dato mandato al segretario generale e alla dirigente delle Risorse Umane di avviare le procedure di annullamento in autotutela di tutti i contratti sottoscritti, non ritenendo compatibile un aumento così eccessivo per il costo del personale con la disastrosa situazione economico-finanziaria dell’Ente”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin