13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.09
caronte manchette
caronte manchette
Messina

Monito agli impiegati di Palazzo Zanca

Comune di Messina, De Luca azzera le posizioni del personale: “Stop al bivacco”| Video

18 luglio 2018

 

Il neosindaco di Messina, Cateno De Luca, azzera le posizioni organizzative al Comune e lancia subito, pubblicamente, con apposito videomessaggio, un chiaro monito al personale di Palazza Zanca, invitato “a non bivaccare per i corridoi”.

“Cari colleghi impiegati di Palazzo Zanca – afferma De Luca nel videomessaggio postato sulla sua pagina social e rivolto al personale del Comune di Messina – mi giunge voce che si parla un pò troppo del provvedimento che ho chiesto al segretario generale e al capo di gabinetto di Palazzo Zanca di mettere in pratica per annullare le P.O. (Posizioni Organizzative) e le A.P. (Alte Professionalità). Io vi invito a pensare a lavorare e ad evitare di bivaccare nei corridoi e soprattutto presso la macchinetta del caffè. Oggi ve lo mando a dire in modo spassionato e cordiale. Da domani adotteremo altri provvedimenti. Cortesemente chiedo sobrietà e che ciascuno pensi a lavorare, perché il 27 di ogni mese lo stipendio arriva prima per voi e forse per altri no”.

De Luca, con apposita nota, ha chiesto la revoca in autotutela dei contratti di conferimento delle P.O. e delle A.P., invitando gli uffici di Palazzo Zanca a porre in essere entro e non oltre 2 giorni dal ricevimento della presente disposizione” gli atti conseguenziali. “La richiesta – ha evidenziato De Luca – scaturisce dalla disastrosa situazione economico finanziaria dell’ente, che impedisce di garantire i servizi minimi alla comunità, ulteriormente gravata da un costo di 2 milioni 100 mila euro annui, derivante dall’applicazione di questi contratti, rientranti nel mero ambito di valutazione discrezionale politico-amministrativa”.

Il personale in servizio presso l’Ente, stando ad una ricognizione effettuata dal sindaco e dalla Giunta di Messina è al momento di 1.447 unità lavorative, per un costo complessivo annuo di circa 46 milioni di euro, così distribuiti: 19 dirigenti; 158, nella categoria D3; 180, D1; 581, C3; 101, B3; 219, B1; e 189, A1. I contratti già firmati relativi alle posizioni organizzative sono 107, mentre 16 sono le alte professionalità.

“Tali figure, che complessivamente sono 123, – ha dichiarato il sindaco comportano un aumento di costo di circa 2 milioni e 100 mila euro l’anno. Manifesto quindi la mia perplessità e contrarietà e ho dato mandato al segretario generale e alla dirigente delle Risorse Umane di avviare le procedure di annullamento in autotutela di tutti i contratti sottoscritti, non ritenendo compatibile un aumento così eccessivo per il costo del personale con la disastrosa situazione economico-finanziaria dell’Ente”.

 

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Radiografia, Tac e Pet: tra nuove tecnologie e ars medica

L’attuale presidente della Società Italiana di Radiologia Medica, professore Roberto Grassi, ha dichiarato un po' di tempo fa che "Abbiamo bisogno di clinici che facciano i clinici, di medici che facciano i medici, perché in gioco non c’è solo spreco di risorse, ma anche la sicurezza dei pazienti, che devono essere esposti a radiazioni ionizzanti solo se veramente necessario".
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.