Comune di Palermo, assessore Mattina indagato: si è dimesso :ilSicilia.it
Palermo

la decisione

Comune di Palermo, assessore Mattina indagato: si è dimesso

di
10 Maggio 2021

L’assessore alla cittadinanza solidale del Comune di Palermo Giuseppe Mattina si è dimesso dopo avere appreso di essere indagato dalla Procura di Palermo. Lo ha reso noto il sindaco Leoluca Orlando che lo ringrazia per quello che definisce “un gesto di grande dignità umana e istituzionale”.

“L’Assessore Giuseppe Mattina – spiega il sindaco -mi ha comunicato di essere stato informato di essere indagato dalla Procura della Repubblica di Palermo e mi ha comunicato la decisione di presentare le proprie dimissioni irrevocabili. Nonostante non vi sia alcun obbligo di legge la decisione è conferma della sensibilità umana ed istituzionale che ho ancora una volta apprezzato,ricordando la sua azione generosa a servizio di cittadine e cittadini ed in particolare dei più fragili”.

“Nutro fiducia nella Magistratura – aggiunge Orlando – nella convinzione che Giuseppe Mattina saprà chiarire e dimostrare la correttezza dei propri comportamenti. In considerazione della delicatezza ed importanza dei servizi resi dalla Area Cittadinanza solidale ho chiesto ed ho ottenuto la disponibilità a ricoprire l’Incarico di Assessore da parte della dottoressa Cinzia Mantegna ,responsabile del Coordinamento dei servizi sociali presso il Comune di Palermo. Provvederò a formalizzare la nomina – conclude il sindaco – non appena la dottoressa Mantegna avrà ottenuto il collocamento in aspettativa”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin