Comune di Palermo: bilancio consuntivo in deficit. Orlando annuncia ricorso contro il Governo :ilSicilia.it
Palermo

aumenteranno le tariffe dei servizi a domanda individuale

Comune di Palermo: bilancio consuntivo in deficit. Orlando annuncia ricorso contro il Governo

di
4 Agosto 2019

L’approvazione del bilancio consuntivo 2018 del Comune di Palermo registra, come si legge in una nota ufficiale, uno sforamento di alcuni dei paletti fissati per lo stato di deficit strutturalein base ai nuovi parametri introdotti a gennaio 2019″.

sindaco Leoluca Orlando

E il sindaco Orlando non ci sta: “Non è pensabile che con un Decreto del 28 dicembre, la cui pubblicazione è comunicata ai diretti interessati solo il 12 gennaio, il Governo nazionale modifichi in modo radicale dei parametri di funzionamento e di regolarità finanziaria per gli enti locali relativi all’anno precedente. Non si è mai visto – continua – un Governo che emana decreti con valore retroattivo che mettono a rischio la tenuta finanziaria dei Comuni e a questo punto viene da chiedersi se sia soltanto frutto di ignoranza istituzionale o di un preciso disegno di indebolimento delle amministrazioni comunali“.

La Giunta ha deciso che saranno valutati i passi necessari per inoltrare un ricorso al fine di ottenere l’annullamento del Decreto ministeriale“, si legge nella nota, “in particolare, a determinare la condizione di deficit strutturale sono due degli otto parametri: quello legato alle anticipazioni di cassa e quello legato alla presenza di debiti fuori bilancio in via di riconoscimento per importi superiori al 1% delle entrate ordinarie“.

Nella sua relazione di accompagnamento al bilancio, il ragioniere generale Bohuslav Basile, ha spiegato che “durante tutto il corso dell’esercizio finanziario 2018, le attività sono state condotte valutando in maniera costante i parametri vigenti“, cioè quelli stabiliti nel 2009 dalla Conferenza Stato-Città ed autonomie locali.

Infatti – continua Basile – secondo tale metodo di valutazione l’Ente, analogamente al 2017 e per gli stessi motivi, non sarebbe risultato in situazione di deficit strutturale“.

Sulla base dei nuovi parametri – dice l’assessore al Bilancio, Roberto D’Agostinosi è invece determinata una situazione formale di deficit, che ha ripercussioni gravissime per l’Amministrazione comunale e per i cittadini, prime fra tutte l’aumento obbligatorio per legge delle tariffe dei servizi a domanda individuale, retta degli asili, mensa scolastica, impiantistica sportiva, servizi cimiteriali, e il sostanziale blocco di qualsiasi procedura di assunzione o stabilizzazione dei lavoratori“.

Conclude Orlando: “Per colpa di un ghiribizzo del Governo i cittadini palermitani dovranno ora pagare tariffe più alte mentre dovranno interrompersi le procedure di stabilizzazione dei lavoratori già in servizio, così come dovranno interrompersi le procedure per l’assunzione delle maestre e dei giornalisti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin