Comune di Palermo, bocciate in commissione bilancio delibere di giunta sui tributi locali :ilSicilia.it
Palermo

le dichiarazioni di Fabrizio Ferrandelli

Comune di Palermo, bocciate in commissione bilancio delibere di giunta sui tributi locali

di
29 Novembre 2021

Dall‘ufficio Tributi del Comune di Palermo sono arrivate tre delibere della Giunta Orlando con carattere d’urgenza da votare in Commissione Bilancio, quali misure correttive rispetto allo stato di dissesto economico-finanziario e al piano di equilibrio della Città Metropolitana.

“Abbiamo appena espresso parere negativo alle tre delibere presentate con carattere di urgenza in Commissione Tributi. Queste delibere non avrebbero cambiato nella sostanza la situazione pregiudicata dei conti del Comune di Palermo, in quanto entrerebbero in vigore a partire dalla prossima riscossione, del luglio 2022. Inoltre riteniamo errato ed inaccettabile esasperare la pressione fiscale sui contribuenti palermitani già tartassati e in difficoltà. I problemi di gestione amministrativa non possono essere scaricati sui cittadini”, lo ha detto Fabrizio Ferrandelli, il capogruppo di Più Europa a Sala delle Lapidi e componente della I Commissione consiliare.

La questione attiene alla riscossione delle imposte locali, come la Tari, incassi indispensabili per far fonte alle spese del Comune, ma che esasperano le tasche dei contribuenti palermitani. Il consigliere di Palazzo delle Aquile lo ha spiegato bene. Il disappunto di Ferrandelli ha a che fare soprattutto con una delibera che metterebbe a rischio le licenze dei commercianti palermitani, oggi morosi perché vessati dalle difficoltà economiche create dalla pandemia da Covid 19, tasse e affitti da pagare nonostante le ingenti perdite di fatturato per il comparto delle attività produttive del territorio, a seguito delle restrizioni imposte per ridurre i rischi di contagio da Coronavirus.

“I commerciati colpiti dal momento di crisi vanno aiutati a pagare – ribadisce Ferrandelli – , vanno aumentate le rateizzazioni, va modificato tutto il quadro per sostenerli al momento della riscossione”.

Ma non finisce qui, “Un no secco ad eliminare le esenzioni, che tra l’altro porterebbero soltanto 250.000€ alle casse ma che sono sostanziali per i soggetti beneficiari, uno stop ulteriore al tentativo di ritirare le licenze a commercianti parimenti in difficoltà. Voglio dire  – continua Ferrandelli – che davanti ad un problema gestionale si risponde con atti gestionali immediati, abbiamo bisogno di misure correttive di riequilibrio immediate”, ma aggiungendo che “Di fonte alle difficoltà dei cittadini, non è pensabile ridurre i tempi di rateizzazione, i commercianti  – prosegue il capogruppo di Più Europa – rappresentano un gruppo di persone da tutelare di fronte ad una crisi economico-finanziaria che si sono ritrovati a fronteggiare e che vanno sostenuti, affinché possano riprendere le loro attività per pagare poi i tributi. Ma non inasprendo le misure ritirando addirittura le licenze, producendo un danno ulteriore, perché i negozi chiudono e si mandano sul lastrico delle famiglie, dei lavoratori. L’unico modo che l’amministrazione ha di ricevere i pagamenti è permettere ai commercianti di rimanere aperti, supportandoli, consentendo la ripresa.

L’unico voto positivo emesso riguarda la delibera sulla cartolarizzazioni dei crediti tributari, che consentano rateizzazioni più lunghe per il contribuente, “E’ la possibilità di far comprare ad altri enti di intermediazione questi crediti, in modo tale da aiutare chi ha una difficoltà economica, uno strumento che può garantirne il pagamento”.

“C’è un tema evidente che riguarda la riscossione. Nonostante la buona volontà di una dirigente capace, come la dottoressa Mandalà, che lavora tanto, però attiene al funzionamento della macchina amministrativa, tenendo conto del personale in carica, della strumentazione. Credo che sia arrivato il tempo di potere immaginare altre politiche: l’esternalizzazione dei servizi di riscossione con società concessionarie del Ministero delle Finanze, così da garantire ai cittadini servizi più celeri ma anche efficienti. E’ giusto che tutti, quelli che possono, paghino le tasse, ma senza vessare i contribuenti contraendone i tempi di rateizzazione a chi deve pagare ma non è nelle condizioni di farlo a causa della crisi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin