Comune di Palermo, dehors: si avvicina l'approvazione del regolamento :ilSicilia.it
Palermo

lo annuncia il presidente della VI commissione

Comune di Palermo, dehors: si avvicina l’approvazione del regolamento

di
24 Agosto 2019

Il consiglio comunale di Palermo a lavoro per portare all’approvazione alcuni dei regolamenti che la città aspetta da tempo e che sono rimasti impantanati nonostante le richieste e le sollecitazioni di cittadini e associazioni di categoria.

Oggi finalmente qualcosa comincia a muoversi e quanto prima dovrebbero essere portati in Aula i regolamenti che servono per l’economia della città.

Tra questi c’è quello dei dehors, infatti, si è svolta una seduta di commissione congiunta fra la sesta e la seconda, per affrontare la delibera sulle modifiche del regolamento dehors.

Ottavio ZaccoUn confronto costruttivo quello avvenuto che ha chiarito alcuni equivoci riguardanti la delibera dei dehors, e che ha evidenziato la necessità di dare regole certe agli imprenditori, evitando ulteriori proroghe che avrebbero solo posticipato il problema“, scrive nella sua pagina Facebook Ottavio Zacco, presidente della VI commissione consiliare.

Aspettiamo il rientro degli assessori Leopoldo Piampiano e Giusto Catania per organizzare una riunione definitiva e successivamente coinvolgere tutti i gruppi politici per procedere alla trattazione della delibera in Aula. Mi auguro che presto possa essere approvata la delibera, liberando così numerosi imprenditori che fino ad oggi sono rimasti prigionieri della politica, per passare successivamente ad altri regolamenti altrettanto importanti per la città”, aggiunge Zacco.

Ma a Palermo servono altri regolamenti e non solo, per questo, scrive Ottavio Zacco nella sua pagina Facebook, “Insieme al vicepresidente Alessandro Anello e i consiglieri Giulio Cusumano, Igor Gelarda e Francesco Scarpinato abbiamo incontrato il nuovo capo area del SUAP,  Galatioto, con il dirigente Galvano e la dottoressa Sposito per avviare un nuovo percorso di collaborazione e condividere delle priorità. 
Si è discusso della necessità di nuovo personale, soprattutto tecnico, al fine di snellire le procedure ed evitare che le pratiche restino in giacenza per mesi“.

Tra le priorità condivise c’è la necessità di un nuovo regolamento per l’occupazione del suolo pubblico di scarrabili, traslochi e piattaforme che preveda solo la richiesta dell’ordinanza per la zona rimozione ed una comunicazione al SUAP con i versamenti pagati, al fine di snellire la procedura e permettere agli operatori di intervenire in pochissimi giorni;

regolarizzare i Fioristi del cimitero Sant’Orsola;

sistemare i mercatini rionali;

la necessità di avviare i bandi che permettano lo sviluppo di livelli occupazionali come NCC, Posteggi liberi; 

la necessità di prevedere dei posti fissi in alcuni siti della città per la vendita di souvenir e prodotti tipici siciliani.

Tutti argomenti già condivisi anche con l’assessore Leopoldo Piampiano.

Speriamo presto di poter dare concretamente risposte alla città“, conclude nel suo post Ottavio Zacco.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo: Il Consiglio Comunale rinvia la discussione sui dehors | LE REAZIONI

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.