Comune di Palermo: dopo la condanna Pollicita torna capo di Gabinetto :ilSicilia.it
Palermo

era stato inflitto un anno pena sospesa

Comune di Palermo: dopo la condanna Pollicita torna capo di Gabinetto

di
11 Dicembre 2019

Non è bastata una condanna per tenerlo lontano dalla poltrona dell’amministrazione di Palermo.

Potrebbe essere la trama di un film dal titolo”Il ritorno dopo la condanna“, la vicenda che vede coinvolto Sergio Pollicita, tornato nuovamente nel ruolo di capo di gabinetto del sindaco Leoluca Orlando.

La designazione è stata firmata dal vicesindaco Fabio Giambrone il 2 dicembre.

Pollicita, nel 2018, è stato condannato per abuso di ufficio per aver assegnato una concessione a un b&b di 70 metri quadrati sito alla Kalsa, senza passare dalla Soprintendenza.

Secondo la Procura, il dirigente, che all’epoca guidava il settore Patrimonio, avrebbe dovuto ottenere prima il sì dei Beni culturali perché l’area era vincolata.

Appresa la notizia, l’Amministrazione ha deciso di attendere la notifica del provvedimento per scrivere all’Anac e chiedere quali potevano essere le prossime mosse.

Insieme alla sospensione, per una durata 12 mesi, era previsto che il capo di gabinetto del Sindaco percepisse il 50% dello stipendio. L’Amministrazione voleva capire dunque quali incarichi, non dirigenziali, poteva svolgere, alla luce dei circa 70 mila euro che percepirà nel prossimo anno.

Dal 2 dicembre però Pollicita è tornato abile e arruolabile e il “Professore” ha così deciso di rimetterlo al suo vecchio posto, occupato in via temporanea da Licia Romano, la quale torna così (in modo concordato) a fare il vice Capo di Gabinetto con competenze su sviluppo strategico, turismo e statistica.

Il dirigente, d’altro canto, occupa un posto chiave nell’amministrazione da oltre un decennio, visto che era già stato capo di gabinetto con Diego Cammarata.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.