Comune di Palermo: i revisori dei conti bacchettano l'Amministrazione. Criticità per Rap e Amat :ilSicilia.it
Palermo

Convocata l'aula nel fine settimana

Comune di Palermo: i revisori dei conti bacchettano l’Amministrazione. Criticità per Rap e Amat

di
28 Novembre 2019

Il collegio dei revisori dei conti si è espresso favorevolmente sulla proposta di variazione al bilancio di previsione fatta dall’Amministrazione, che andrebbe fatta entro il 30 novembre, ma non mancano dubbi e perplessità sulla situazione della Rap, una delle partecipate del Comune.

Infatti, ci sono 7 milioni di euro che dovrebbero arrivare dalla Regione Siciliana, per il conferimento dei rifiuti fuori dal territorio comunale, dopo la chiusura di Bellolampo, e che lascia nell’incertezza le casse del Comune.

Adesso a Sala delle Lapidi devono fare in fretta, infatti, a partire da oggi le commissioni sono chiamate a studiare la delibera e a partire da domani ed entro sabato 30 novembre i consiglieri sono chiamati a votare.

Da informazioni assunte dal Ragioniere generale, si apprende, condividendolo, che è stata anticipata al 2019 la copertura della restante quota dovuta per l’accantonamento al relativo fondo per le perdite maturate dalle società partecipate al 31/12/2017. Tuttavia peserà sul Bilancio 2020/2022, l’obbligo ulteriore di accantonamento di euro 17.031.132 per le perdite registrate dalle società Amat e Rap al 31/12/2018“, si legge nel parere dei revisori dei conti.

Dunque l’organo dei revisori dei Conti “Esprime parere favorevole all’approvazione della variane al Bilancio 2019/2020/2021, ma tenuto conto che permangono particolari criticità che potrebbero minare strutturalmente gli equilibri di Bilancio relativamente a:

  1. Extracosti che sostiene Rap spa per via della chiusura della discarica di Bellolampo,
  2. Fondo perdite società partecipate che si dovrà accantonare nel 2020;
  3. deficit esistente sul Fondo Crediti di dubbia esigibilità calcolato con il metodo ordinario.

Quindi, i revisori dei conti prescrivono al Consiglio comunale “a tutela degli equilibri di bilancio“, di approvare “un emendamento all’apposita Missione 20 del Titolo I, quale passività potenziale, che stanzi un importo complessivo pari a euro 2.754.68,50 o ad euro 9.754.684,50 in caso di mancata approvazione dell’auspicato DDL da parte dell’Assemblea regionale o di mancata previsione di utilizzo di dette somme per la copertura degli extracosti“.

Ulteriore prescrizione è quella che “Nel bilancio di previsione 2020/2022 vengano previsti sia un accantonamento al Fondo Perdite Partecipate per le perdite subite dalle società Amat per euro 4.964.789 e Rap per euro 12.066.343 che somme tali da consentire a che il FCDE accantonato sia corrispondente all’importo previsto dalla legge, eventualmente prevedendo che il relativo disavanzo venga coperto ai sensi dell’art 188 TUEL“.

Fino a quando non saranno adottate le superiori si prescrive che non sia autorizzate spese che non siano strettamente obbligatorie e/o imposte da disposizioni di legge, con esclusione di ogni altra spesa che non sia strettamente necessaria ad evitare che all’ente sia scongiurato un danno patrimoniale e certo“.

Ultima prescrizione è che “Vengano con immediatezza approvate le nuove tariffe dei servizi a domanda individuale di modo che, già a far data del 01/01/2020, le stesse siano pienamente idonee a garantire, a consuntivo, il tasso di copertura prescritto del 36%”.

Nei giorni scorsi in commissione abbiamo discusso di una possibile variazione di bilancio surreale – afferma Andrea Mineo, vicepresidente della commissione consiliare al Bilancio -. Si è discusso di cifre e di ipotesi senza però avere il testo della delibera, situazione che ha messo tutti i consiglieri in imbarazzo”.

“Oggi dal parere puntuale reso dai revisori – conclude Mineo – ci rendiamo conto della necessità di dovere prevedere delle risorse sulla Rap e sulle altre aziende, quindi, in attesa di conoscere il reale testo della delibera, credo si debba intervenire sin da subito per le aziende e per i servizi, tutto il resto potremmo rinviarlo al prossimo bilancio di previsione”.

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.