Comune di Palermo, il Consiglio dice sì all'ampliamento della Giunta :ilSicilia.it
Palermo

Presenti 31 tutti favorevoli

Comune di Palermo, il Consiglio dice sì all’ampliamento della Giunta

di
17 Ottobre 2019

Una seduta a Sala delle Lapidi non programmata quella di oggi, sul tavolo l’adeguamento dell’art.45 dello statuto comunale alla legge regionale del 3 aprile 2019 che permette al sindaco Leoluca Orlando di nominare ulteriori 3 assessori da inserire nella sua Giunta per distribuire ulteriormente le deleghe.

Sabrina FigucciaImpossibile accettare l’inerzia di questo consiglio comunale che tra le fila della maggioranza trova grande confusione e tra quelle dell’opposizione qualche sciocco servitore – ad affermarlo Sabrina Figuccia, consigliere comunale Udc che aggiunge – per questo oggi sono uscita dall’Aula nell’ottica di lanciare un messaggio chiaro a tutti i miei colleghi, è vero infatti che quello di oggi era un atto di adeguamento alla norma regionale, ma è anche vero che la politica può scegliere e deve a mio avviso capire se stare dalla parte dei cittadini o di chi chiede solo poltrone. Dopo questo voto rispetto al quale non mi sono resa complice in alcun modo, il Sindaco è stato legittimato stasera anche dal consiglio comunale e pertanto a lui l’onere di esprimersi sull’ampliamento della Giunta da 8 a 11 assessori, se è vero infatti che a Roma si tagliano i parlamentari allora mi auguro che Palermo non vado controcorrente e che quindi eviti la creazione di altri inutili poltrone“, conclude Sabrina Figuccia.

Sandro Terrani

Sandro Terrani, capo gruppo del Mov139, ha affermato “Ancora una volta, insieme ai consiglieri del Mov139, Valentina Chinnici e Paolo Caracausi, non abbiamo fatto mancare il sostegno al Sindaco e alla sua Giunta, a differenza di qualche altro gruppo che ogni tanto si ammutina così come è avvenuto nella seduta di martedì, per la presa d’atto della modifica dell’art. 45 dello statuto, che riguarda l’allargamento della giunta da 8 ad un massimo di 11. Bene ha fatto il Presidente del Consiglio Comunale a convocare il Consiglio, per approvare subito la modifica“.

Come sempre noi dell’opposizione abbiamo garantito che perfino una presa d’atto di una legge regionale venga approvata – afferma Fabrizio Ferrandelli, leader di +Europa –  Pur assistendo allo sconcertante gioco di potere e di avvertimenti dentro la maggioranza che Usa questa opportunità come l’ennesima occasione di lottizzazione politica e di giochi di forza per ottenere deleghe di peso. Il sindaco avrebbe il dovere di riferire in aula e chiarire la natura di questo ricatto d’Aula“.

I momenti di difficoltà in una maggioranza, soprattutto se é “sui generis” nella sua composizione come lo è la nostra, ci possono pure stare, ma l’importante è avere la capacità di ricompattarsi quando é necessario farlo, e questo è quello che è avvenuto oggi con l’approvazione della modifica dello Statuto“, afferma Massimo Giaconia, consigliere comunale di Palermo 2022.

Questo modo di operare dovrebbe essere una costante per la maggioranza, troppi atti importanti per la nostra città sono arenati all’ordine del giorno da tanto tempo. Penso, ai regolamenti della Gestione Rifiuti, dei Dehors, dell’Inclusione Sociale, dei Giardini Condivisi e Orti Urbani, Pubblicità e tanto altro che se approvati darebbero respiro alla Città su diversi fronti. Attendo con impazienza la riunione di maggioranza convocata dal Sindaco per mercoledì 23, con la speranza che da lì si possa ripartire avendo come unico obiettivo il bene di Palermo”, conclude Massimo Giaconia.

igor-gelarda_-elio-ficarraLa lega lascia l’Aula perché non vuole assistere a questo vergognoso teatrino di una maggioranza che non riesce a trovare un filo logico e soprattutto non è più in grado di dare risposte a questa città“, affermano Igor Gelarda ed Elio Ficarra della Lega.

Gianluca InzerilloNon siamo mai stati contrari all’atto, come abbiamo dichiarato anche precedentemente, non abbiamo condivisole modalità della richiesta di prelievo che ribadiamo che non era stata concordata nella capigruppo, non abbiamo messo in discussione il nostro supporto a questa maggioranza ma abbiamo sempre chiesto condivisione nell’azione di governo di questa città. Noi desideriamo partecipare all’azione politica per il bene della città“, afferma il gruppo Sicilia Futura.

Il nostro gruppo M5S non poteva che votare favorevolmente rispetto a una modifica dello Statuto comunale che si limita a prendere atto di una legge regionale già in vigore. Il nostro unico auspicio rispetto al possibile aumento del numero degli assessori riguarda l’effettivo efficientamento dei servizi per i cittadini, stanchi di non trovare le opportune risposte. Avevamo proposto un OdG che non è stato accolto, nel quale impegnavano il Sindaco e l’Amministrazione, in caso di ampliamento dell’attuale Giunta comunale, a redistribuire la somma complessiva ad oggi destinata agli otto Assessori comunali, per pagare i compensi anche degli altri componenti che saranno eventualmente aggiunti, percorrendo in tal modo la via di un contenimento, o tutt’al più di un mantenimento, dei costi per l’Amministrazione comunale. Come da tempo chiediamo dai banchi dell’opposizione è quantomai necessario e urgente poter contare su un assessore allo Sport”, afferma il gruppo M5s Palermo.

Giulio Tantillo

Si è trattata di una presa d’atto che non implica l’aumento della Giunta, ma mi sembra corretto che la quinta città d’Italia abbia qualche assessore in più, questo consente di redistribuire le deleghe alleggerendo qualche assessore già gravato da diverse funzioni. Mi auguro che il sindaco redistribuire le deleghe accorpando le società partecipate che al momento sono alla sbando. A questa città occorre un assessorato al Verde, al decoro e alla vivibilità“, ad affermarlo Giulio Tantillo, capogruppo di Forza Italia

 

 

LEGGI ANCHE:

Giunta di Orlando da 8 a 11: votata la modifica dello statuto, nuovo strappo in maggioranza

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.