Comune di Palermo: il Sindaco rivede le deleghe e pensa al rimpasto della Giunta :ilSicilia.it
Palermo

Presto un nuovo vertice

Comune di Palermo: il Sindaco rivede le deleghe e pensa al rimpasto della Giunta

28 Dicembre 2018

Nuovo incontro tra il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando e la sua maggioranza, sul tavolo sempre il rimpasto della Giunta e la riorganizzazione degli uffici. Sulle nomine dei nuovi Assessori ha ribadito che sarà lui a decidere, anche se ha chiesto nomi di alto profilo per i ruoli da ricoprire e rilanciare così la giunta entro il mese di gennaio. Inoltre, Orlando potrebbe cambiare la metà degli assessori in carica se non addirittura tutti, ma questo ancora non è dato saperlo con certezza.

Intanto, l’idea di Orlando è quella di riorganizzare le deleghe, lui terrebbe, comunque, il turismo, l’avvocatura e la Gesap;

  • La scuola si accorperebbe con la disabilità e il sociale sarebbe a parte con la questione dell’emergenza abitativa;
  • Tutte le deleghe attualmente affidate all’assessore Emilio Arcuri sarebbero suddivise: Prg, manutenzioni, lavori pubblici, mobilità con pedonalizzazioni da una parte e tutto il settore dell’Edilizia privata dall’altra;
  • Non dovrebbe esserci più un assessore responsabile delle società partecipate, ma ogni società avrebbe un assessore di riferimento in base alla delega di competenza;
  • Quindi, l’assessore alla Mobilità si occuperebbe di Amat, così come quello con delega all’Ambiente di Rap;
  • Il Bilancio sarebbe accorpato con il Patrimonio, ma anche con i cimiteri;
  • Il Personale andrebbe, invece, con la Municipale, il Decentramento e l’Anagrafe.

In uscita probabilmente, come già detto precedentemente, Iolanda Riolo alla Mobilità, Gaspare Nicotri al personale e Andrea Cusumano alla Cultura. Potrebbero rimanere, invece Giuseppe Mattina al Sociale, Antonino Gentile al Bilancio che è riuscito a fare approvare alla Giunta in tempi record il bilancio di previsione 2019-2021 e il vicesindaco in carica Sergio Marino.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.