22 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.52
Palermo

Approvato il Piano triennale del fabbisogno di personale

Comune di Palermo: in vista stabilizzazioni e nuove assunzioni | Video

21 Dicembre 2018

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il nuovo Piano triennale del fabbisogno di personale 2018/20, approvato dalla giunta del Comune di Palermo, spiana la strada a stabilizzazioni e nuove assunzioni. L’amministrazione ha calcolato una dotazione organica complessiva di 7.517 unità, ovvero di 1.317 dipendenti in più rispetto ai 6.200 attualmente impiegati dall’ente. Questo tuttavia non vuol dire che nell’arco di due anni saranno stabilizzati o assunti altrettanti lavoratori, poichè tutto ciò è vincolato alla capacità assunzionale del Comune. In altre parole alla sua disponibilità di risorse e al rispetto dei parametri economici stabiliti dalla legge.

Proprio in queste ore il Consiglio comunale sta affrontando l’approvazione del bilancio consolidato, fondamentale per dare certezza economica a quanto detto. Di sicuro nei prossimi giorni, e più precisamente entro il 28 dicembre prossimo, firmeranno il contratto a tempo indeterminato i 53 precari cosiddetti “ex articolo 23”, mentre da qui al 2019 dovrebbe concludersi l’iter per la stabilizzazione dei 598 lavoratori del bacino “Palermo lavoro”. I loro contratti, infatti, possono contare sullo stanziamento di 55 milioni di euro che lo Stato destina al Comune.

Al di là della definizione delle vertenze storiche, se dal punto di vista contabile le carte saranno a posto, da qui al 2020 il Comune di Palermo potrebbe pubblicare diversi bandi per sopperire alle proprie carenze di personale.

“Questo piano – spiega Nicola Scaglione del sindacato Csaanche se non rappresenta il massimo possibile è stato approvato dalle sigle sindacali Csa, Cgil e Uil, che hanno dato parere favorevole, perchè comunque avevamo la necessità entro il 31/12/2018 di avviare i processi di stabilizzazione o eventualmente garantire le proroghe a questi contratti. Contratti che altrimenti scadevano e rischiavano di mandare sia i colleghi in mezzo alla strada, sia di dare un grosso colpo ai servizi della città di Palermo che questi colleghi riescono a garantire con il loro lavoro”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.