Comune di Palermo, le prime parole del neoassessore Zito | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

AL CENTRO INTERNAZIONALE DI FOTOGRAFIA

Comune di Palermo, le prime parole del neoassessore Zito | VIDEO

di
10 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Mario Zito è il nuovo assessore alle Culture del comune di Palermo. Il docente accademico succede ad Adham Darawsha, dopo le dimissioni di quest’ultimo alla vigilia del Festino.

La prima uscita del neo-rappresentante dell’amministrazione Orlando è avvenuta alla mostra “Tagli“, di Carmelo Bongiorno. Intervenuto in esclusiva ai microfoni de IlSicilia.it, Mario Zito commenta così la sua nomina ad assessore alle Culture del Comune di Palermo.

Una nomina avvenuta all’improvviso, appena due ore fà. Sono molto contento ma anche molto preso da mille pensieri. Ritengo che sia un incarico importante e allo stesso tempo entusiasmante per me e per questa fantastica città“.

Zito ha tenuto a precisare di aver accettato l’incarico, ma che comunque continuerà a dirigere l’Accademia.

Inoltre, durante la sua presenza al confronto al Centro Internazionale di Fotografia di Letizia Battaglia, ha citato infine la Santuzza, invocando un aiuto vista la vicinanza con il Festino. “Mi metto sotto l’ala di Santa Rosalia“, chiosa il professore universitario.

LA BIOGRAFIA

Zito, nato a Siracusa nel 1962, è sposato e ha due figli. Ha svolto l’attività di insegnamento presso Licei ed Accademie di Belle Arti Statali. Oltre che a Palermo, dove è docente dal 2014, ha svolto la propria attività anche a Siracusa, Reggio Calabria, Sassari e Bari.

In città negli ultimi anni è stato nel Comitato scientifico di Palermo Capitale della Cultura, nonché membro del Comitato d’onore di Manifesta 12. Ha inoltre curato le attività didattiche di Palazzo Ziino per l’arte contemporanea e ha curato la direzione artistica di ZAC, Padiglione dell’Arte contemporanea dei Cantieri culturali della Zisa.

All’Accademia Palermo, oltre che Direttore per il triennio 2017-2020, è stato Coordinatore e promotore del Master di II Livello su “Restauro, manutenzione, ripristino delle opere d’arte contemporanee”. Promuove e coordina diverse iniziative culturali ed artistiche in collaborazione con diverse istituzioni museali regionali, nazionali ed europee e con diverse Associazioni, Fondazioni, Associazioni.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.