Comune di Palermo, l'ex assessore D'Agostino: "L'ente dichiari il dissesto" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Comune di Palermo, l’ex assessore D’Agostino: “L’ente dichiari il dissesto”

di
15 Ottobre 2021

“Il Comune di Palermo deve dichiarare il dissesto e da lì ripartire”. Lo dice in una nota Roberto D’Agostino, ex assessore comunale al Bilancio e Partecipate della giunta Orlando, che ha lasciato l’incarico circa un anno e mezzo fa.

La richiesta avanzata dal deputato del Pd Carmelo Miceli è legittima – continua D’Agostino – anche se Orlando non sembra d’accordo. Evidentemente il sindaco ha informazioni maggiori delle mie su nuove e non previste entrate correnti per 80 milioni annui che consentiranno di bilanciare gli importi annuali degli oneri aggiuntivi del decennale piano di rientro da 800 milioni, senza che occorra portare alle stelle i costi delle mense scolastiche, dei servizi funebri e di tutti i servizi a domanda individuale”.

Secondo D’Agostino, il dissesto è inevitabile: “Siamo sicuri che la ricerca spasmodica (e ancora non ottenuta) di una dilazione dei tempi per la presentazione del bilancio previsionale (scaduta a giugno) sia nell’interesse della città, piuttosto che la dichiarazione immediata del dissesto? Siamo sicuri che convenga cincischiare portando questo impossibile piano in Consiglio comunale, che prevede un tempo massimo di approvazione di 90 giorni (cioè fine dicembre 2021) e una non immediata esecutività in caso di approvazione (30 giorni, cioè gennaio 2022), quando le elezioni sono ad aprile 2022? Dichiariamo subito il dissesto, consentiamo l’utilizzo delle somme del Pnrr, e ripartiamo”.

Secondo l’ex assessore al Bilancio, “nell’interesse della città bisogna guardare in faccia la realtà e prendere atto che non siamo nelle condizioni di proporre un piano di riequilibrio serio (che non preveda quindi fantasmagorici risultati nella lotta all’evasione da realizzare in questi ultimi due mesi che ci separano dalla fine dell’anno contabile 2021 o (s)vendite di crediti a società finanziarie che comporterebbero una riduzione dei residui attivi). Occorre mettere in sicurezza la possibilità di accesso ai fondi Pnrr, il cui accesso sarà bloccato fino all’approvazione di un ‘farlocco’ piano di riequilibrio da parte della corte dei conti, in quanto irrealizzabile”.

D’Agostino elenca i numeri: fondo perdite aziende, 79 milioni; fondo rischi spese legali, 64 milioni più gli ultimi 20 milioni di Gesip; fondo anticipazioni di liquidità, 44 milioni. La spalmatura del maggiore disavanzo da rendiconto 2019 (pari a 307,8 milioni) ha comportato una rata annua aggiuntiva di circa 20 milioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.