26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28
Palermo

I nomi fra venti giorni

Comune di Palermo: nuovo look per la macchina amministrativa

19 Aprile 2019

E’ stato ridefinito l’organigramma e l’assetto organizzativo dei servizi dirigenziali del comune di Palermo, la delibera,che è stata approvata giovedì 18 aprile dalla Giunta, verrà messa in atto a partire dal primo giugno e resterà tale fino al termine del mandato di Orlando, ma per conoscere i nomi dei dirigenti si dovrà attendere circa venti giorni.

Intanto, la nuova mappa ridisegnata dal segretario Antonio Le Donne, che temporaneamente ricoprirà anche il ruolo di direttore generale, prevede che ogni area, in totale 8, risponda direttamente a rispettivo assessorato:

  1. Area delle Culture,
  2. area dell’Educazione,
  3. Formazione e Politiche Giovanili,
  4. area della Cittadinanza; area della Ragioneria Generale,
  5. Tributi, Patrimonio e Partecipate; area dello Sviluppo Economico,
  6. area tecnica della Rigenerazione urbana e delle Opere pubbliche,
  7. area della Pianificazione urbanistica,
  8. area del Decoro urbano e del Verde e Polizia Municipale.

Tre i servizi dirigenziali che garantiranno una gestione diretta con gli assessori:

  1. Innovazione,
  2. Protezione Civile,
  3. Statistica.

Per le società partecipate vi sarà un’ulteriore suddivisione:

  1. il direttore generale: avrà la gestione aziendale (quindi qualità dei servizi, verifica di bilancio, risorse umane);
  2. i capi area: l’impostazione strategica e del controllo analogo;
  3. infine i servizi dirigenziali: si occuperanno dei contratti di servizio.

Sarà ripensato anche il settore delle gare e dei contratti, facendo convergere in un unico servizio le procedure per la scelta del contraente per lavori, servizi e forniture sopra soglia Ue, decentrando la gestione delle gare sotto soglia ai servizi competenti in materia.

Nel corso del triennio 2019-2021 vi sarà, inoltre, una progressiva riduzione, da 91 a 80, dei posti in organico dei dirigenti. Verranno limitati gli interim: vi saranno 34 dirigenti amministrativi, 15 dirigenti avvocati, 12 dirigenti tecnici, 8 dirigenti contabili, 3 dirigenti culturali, 2 dirigenti area vigilanza, 1 dirigente agronomo, 1 dirigente tecnico ambientale, 1 dirigente informatico, 1 dirigente economista, 1 dirigente dei servizi sociali, 1 dirigente statistico.

 

SCARICA IN BASSO I DOCUMENTI:

Estratto delibera 65

Delibera 65

delibera 65 -1

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.