10 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.28
Palermo

si tratta di Francesco Scarpinato

Comune di Palermo: Orlando perde pezzi, consigliere del centrosinistra passa a FdI

9 Febbraio 2019

Francesco Scarpinato, 45 anni, consigliere comunale, il più votato della lista di centrosinistra Democratici e Popolari alle ultime elezioni amministrative, con oltre 3.500 preferenze, aderisce a Fratelli d’Italia e sarà tra i candidati alle prossime europee di maggio.

Per Scarpinato, primo maresciallo dell’Esercito, si tratta di un ritorno perché i primi passi in politica li aveva mossi con Alleanza nazionale, partito con il quale è stato eletto nel 2003 a Sala delle Lapidi con 1.191 preferenze. Il passaggio, che ancora deve essere formalizzato, è avvenuto nel corso di una riunione nei giorni scorsi, a Roma, alla quale erano presenti la leader di FdI Giorgia Meloni, il presidente Ignazio La Russa, la deputata palermitana Carolina Varchi e il deputato nazionale Francesco Lollobrigida, uno dei più stretti collaboratori della Meloni.

Scarpinato, pluridecorato per missioni umanitarie in tutto il mondo, nell’agosto 2009 è stato nominato consigliere d’amministrazione del Teatro Biondo Stabile di Palermo, diventandone anche vice presidente. Nel 2012 ottenne 2.190 voti nella lista Amo Palermo. Poi la decisione di aderire a Ncd di Alfano e Cascio, e successivamente la decisione di schierarsi con Dore Misuraca, alfaniano, a sostegno dell’attuale sindaco Leoluca Orlando, che pochi giorni fa aveva chiuso le porte ad un eventuale ingresso in giunta comunale di un rappresentante della lista Democratici e Popolari per il prossimo rimpasto che si preannuncia imminente.

Scarpinato costituirà il gruppo con Mimmo Russo, anche lui eletto in una delle liste che sostenevano Orlando, “Palermo 2022”, ma che da alcuni mesi ha deciso di passare con Fratelli d’Italia.

 

LEGGI ANCHE:

Pressing dei “Democratici e Popolari” su Orlando, Scarpinato: “Vogliamo spazio in Giunta” | Video intervista

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.