Comune di Palermo, Scarpinato (FdI): "A lavoro per stabilizzare 331 precari" :ilSicilia.it
Palermo

Organico della polizia municipale e Asu

Comune di Palermo, Scarpinato (FdI): “A lavoro per stabilizzare 331 precari”

6 Novembre 2019

È stata discussa in VI Commissione consiliare, attività produttive, con l’assessore comunale al Personale, Fabio Giambrone, la delicata situazione dell’organico della Polizia Municipale e la stabilizzazione del personale 331 ASU in servizio al Comune di Palermo.

Ho voluto fortemente porre l’accento sulle criticità che affliggono il Comune di Palermo in quanto, a seguito dei pensionamenti, ormai è sotto gli occhi di tutti la situazione emergenziale che affligge l’intera macchina comunale“, afferma il capogruppo di Fratelli d’Italia, Francesco Scarpinato.

Francesco Scarpinato
Francesco Scarpinato

In particolar modo, ho commentato i numeri riferiti all’effettiva forza organica del Corpo della Polizia Municipale, un organico che in base al numero della popolazione della città di Palermo, dovrebbe essere di 2.200 unità, ma a causa dei quasi 400 pensionamenti che avverranno nei prossimi mesi, saranno solo 970 unità“, prosegue Scarpinato.

Ho anche ricordato – aggiunge il capogruppo di Fratelli d’Italia – che, al fine di superare le criticità in questione, il Consiglio Comunale, durante l’approvazione dello scorso bilancio, ha prodotto un emendamento finalizzato alla possibilità di bandire concorsi ad hoc per il corpo della Polizia Municipale. Ho anche chiesto la possibilità dove la norma lo permette di utilizzare le economie dei 400 vigili che andranno in pensione a brevissimo, per prolungare l’orario dei 172 vigili che sono stati stabilizzati durante l’ultimo rendiconto e che lavorano solo 3 giorni la settimana”.

Ma Scarpinato ha evidenziato anche la delicata situazione in cui versano i dipendenti comunali 331 che sono inquadrati dalla Regione Siciliana ma impiegati al Comune di Palermo, infatti ha chiesto all’assessore, in base alla legge Madia che fissa i paletti per la stabilizzazione entro il 31 dicembre di questo anno “qual è lo status quo, in quanto mi risulta che il Comune di Palermo ha inviato una nota alla Regione finalizzata alla risoluzione di questa situazione, o quanto meno, a chiarirla in quanto vede i 331 lavoratori vivere ormai da troppi anni nella precarietà“.

Per il prossimo 2 dicembre è stata fissato un nuovo incontro alla presenza anche della dottoressa Paola Di Trapani, responsabile del Personale al Comune di Palermo, al fine di conoscere “quello che è stato stabilito tra Amministrazione comunale e la Regione per avere un quadro chiaro e propositivo riferito ai dipendenti, in quanto è sotto gli occhi di tutti che, da troppi anni, i 331 lavoratori occupano posizioni organizzative importanti finalizzate al lavoro ottimale“, conclude Francesco Scarpinato.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.