Comune di Palermo "sfratta" l'Istituto Gramsci: la polemica :ilSicilia.it
Palermo

Il braccio di ferro

Comune di Palermo “sfratta” l’Istituto Gramsci: la polemica

di
17 Settembre 2021

Le polemiche e le proteste si rincorrono a Palermo per lo “sfratto” che il Comune ha dato all’Istituto Gramsci siciliano. Vantando un credito di 80 mila euro per la locazione del padiglione dei Cantieri culturali della Zisa, l’ufficio risorse immobiliari ha ingiunto al Gramsci di fare sapere entro il 30 settembre la data in cui lascerà i locali sgombri di “persone e cose”.

L’istituto ha sempre replicato richiamando il regolamento comunale il quale prevede che per le “associazioni di alta valenza e utilità sociale e istituzionale” il canone possa essere “conguagliato con l’acquisizione di servizi aventi finalità sociali”. In effetti l’istituto Gramsci offre gratuitamente l’accesso alla propria biblioteca (40 mila volumi), alla propria emeroteca con le collezioni e all’archivio in cui sono custodite carte e documenti di numerosi personaggi pubblici come Pio La Torre, Girolamo Li Causi, Pompeo Colajanni, Vittorio Nisticò. Il Gramsci è inoltre attivo nell’editoria (130 volumi pubblicati) e nell’organizzazione di convegni, seminari e incontri.

Da tempo chiede che i servizi resi alla città vengano riconosciuti come “conguaglio” del canone di locazione. Ma la burocrazia del Comune ha sempre rigettato la proposta tanto che il Gramsci ha fatto ricorso alla giustizia civile. Il giudice deciderà nell’aprile del 2022. Intanto è arrivato il nuovo “sfratto”. Il presidente dell’Istituto, Salvatore Nicosia, ha ricordato che proprio qualche giorno fa il sindaco Leoluca Orlando si era detto pronto a unirsi a un’eventuale occupazione del padiglione per protesta. “Capisce anche lui – dice Nicosia – che si rischia di consumare uno scempio imperdonabile. Vorremmo quindi evitare l’infamia consegnando al Comune le chiavi della nostra sede dopo avere accertato quale trattamento sarà riservato al materiale fruito dal pubblico e dagli studiosi”. A sostegno del Gramsci si sono schierati la Cgil ed esponenti del mondo della cultura non solo siciliana.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin