Comune di Palermo: stabilizzazioni a rischio dopo la bocciatura del ministero :ilSicilia.it
Palermo

Migliaia i precari coinvolti

Comune di Palermo: stabilizzazioni a rischio dopo la bocciatura del ministero

di
26 Gennaio 2019

Cattive notizie per il personale a tempo determinato del Comune di Palermo interessato dai processi di stabilizzazione promessi dall’amministrazione comunale. L’ultima relazione del Ministero dell’economia e delle finanze, che ha confermato gran parte delle criticità evidenziate in questi mesi sulla situazione economico finanziaria dell’Ente, tra i tanti rilievi sollevati pone l’accento sull’ingiustificato aumento del personale.

E’ questo, infatti, uno dei principali punti contestati dai tecnici del Mef. “L’Ente – scrivono – non fornisce chiarimenti circa la mancata valutazione delle “effettive esigenze di personale” che hanno condotto a un notevole incremento della dotazione organica in netto contrasto con le disposizioni normative vigenti finalizzate al costante contenimento della spesa del personale”.

Parole che metterebbero una pietra tombale sia sul proseguimento delle procedure di stabilizzazione già avviate, sia sul confronto con le organizzazioni sindacali per la stabilizzazione di altro personale a tempo determinato. Una bomba sociale pronta ad esplodere. Sono migliaia i lavoratori coinvolti. Basti pensare che su una dotazione organica 6.200 unità questi sono circa 3.000.

Nella nota, il ragioniere generale richiama anche i pronunciamenti della “Corte dei conti in ordine all’elevato rapporto medio dipendenti/popolazione del Comune di Palermo”. A tal proposito, si legge, “si resta in attesa di conoscere le misure correttive preannunciate dall’Ente per il superamento della problematica in esame. Al momento, quindi, il rilievo non può ritenersi superato”. In altre parole l’amministrazione è chiamata a ridurre il numero dei dipendenti.

In particolare viene contestata la stabilizzazione degli Lsu, poichè violerebbe il “principio dell’adeguato accesso dall’esterno (rilievo n. 5). I chiarimenti forniti – scrivono i tecnici – non sono sufficienti a far ritenere superato il rilievo”.

Si dicono preoccupati i sindacati. “Non si può non tener conto dei rilievi sollevati dal Mef che toccano punti nevralgici per il futuro di Palermo”, dicono in una nota congiunta i segretari di Cgil, Cisl e Uil Palermo, Enzo Campo, Leonardo La Piana e Gianni Borrelli, che apprezzano l’appello rivolto dal sindaco Leoluca Orlando alle organizzazioni sindacali. “Condividiamo dunque l’attenzione del primo cittadino – affermano –  nel coinvolgere le organizzazioni sindacali con l’invio dei documenti sui rilievi e le risposte dell’amministrazione comunale. Siamo dell’idea che ognuno debba assumersi per la propria parte la responsabilità di azioni che salvaguardino i lavoratori del Comune e delle partecipate e che migliorino la qualità dei servizi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin