Comune di Palermo: "Trasformeremo ex Fiera del Mediterraneo in un maxi Centro Congressi" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Lo ha annunciato l'assessore Sergio Marino

Comune di Palermo: “Trasformeremo ex Fiera del Mediterraneo in un maxi Centro Congressi” | FOTO

di
11 Aprile 2018

PALERMO – Ritorna nell’agenda politica del Comune di Palermo il progetto di conversione della Fiera del Mediterraneo in un grande Centro Congressi. Un polo centrale per attività produttive, fiere, conferenze e laboratorio per le giovani start-up.

Ad ufficializzarlo, nel corso del convegno di Fiepet-Confesercenti Palermo tenutosi nell’ambito di ExpoCook, l’assessore alle Attività produttive, Sergio Marino che – spiega la nota di Confesercenti – «ha affrontato anche i temi dei finanziamenti europei per e della formazione per le imprese. Marino ha preannunciato l’intenzione dell’Amministrazione di creare un Centro congressi e un’area per le start up imprenditoriali nei locali della ex Fiera del Mediterraneo».

convegno-fiepet-confesercenti-palermo-marino-attinasi«È un’idea condivisibile – ha sottolineato Mario Attinasi, presidente di Confesercenti Palermo – che può dare una risposta alla mancanza di un centro congressi a Palermo e alla necessità di un orientamento per i giovani che vogliono fare impresa».

Lo studio di fattibilità era inserito nel “piano programma” presentato nel 2013 dal Rotary Club, con gli architetti soci Maurizio Carta e Fausto Provenzano. Il progetto prevedeva un costo stimato di 101 milioni di euro e 4 fasi di lavori: 

  • La prima (costo stimato, 25 mln) prevede la riqualificazione architettonica dei padiglioni 16 e 20 con un design moderno. Il n. 20 avrà una sala plenaria con 3.600 posti a sedere, sale regia, hall, guardaroba, wc e zona catering; il n. 16, invece, sala banchetti per 1.240 coperti. I padiglioni rilevanti sul piano architettonico, saranno mantenuti e destinati a sale stampa, accoglienza, bazar, posti di polizia, agenzie viaggi, agenzia poste e banca, set cinematografici, un parcheggio a raso da 700 posti.
  • La fase 2 (da 3 mln) consiste nella demolizione dei padiglioni vecchi e degradati;
  • la fase 3 è la più costosa (71 mln) e si attuerà se la città si attesterà con successo come polo congressuale forte. Essa prevede la costruzione di un gigantesco Centro Congressi sul modello di Barcellona, con un parcheggio interrato (lato ingresso secondario).
  • L’ultima fase (1,5 mln) è la demolizione dei padiglioni 16 e 20 e la creazione di un parco urbano.

Sfoglia la foto-gallery con i rendering dell’Architetto Provenzano:

Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]
Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]
Piano Preogramma del 2013
Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]
Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]

Per realizzare il progetto però il Comune (non avendo risorse proprie) pubblicò 5 anni fa un bando internazionale con la formula del project financing. Bando che tuttavia non ottenne successo: nel 2014 arrivarono 4 buste con proposte che però non furono mai accolte. Tra queste, una della cordata di imprenditori siciliani del gruppo Ance, Confindustria e Lega Cooperative.

L’obiettivo dell’Amministrazione era creare con capitali privati: un Centro Congressi di almeno 3 o 4 mila posti «eventualmente suddivisibile in sale di minore capienza»; un hotel di lusso, «pari o superiore a 5 stelle, con al massimo 250 posti letto»; spazi per attività ristorative, commerciali, espositive e di intrattenimento. I padiglioni rilevanti sul piano architettonico saranno mantenuti e destinati a sale stampa, accoglienza, bazar, posti di polizia, agenzie viaggi, set cinematografici, aree parcheggio adeguate e un ampio parco urbano che avrà una «superficie non inferiore al 30% del totale».

Nei prossimi giorni il Comune potrebbe dunque riprovarci, ripubblicando il bando.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.