Comune di Palermo: "Trasformeremo ex Fiera del Mediterraneo in un maxi Centro Congressi" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Lo ha annunciato l'assessore Sergio Marino

Comune di Palermo: “Trasformeremo ex Fiera del Mediterraneo in un maxi Centro Congressi” | FOTO

di
11 Aprile 2018

PALERMO – Ritorna nell’agenda politica del Comune di Palermo il progetto di conversione della Fiera del Mediterraneo in un grande Centro Congressi. Un polo centrale per attività produttive, fiere, conferenze e laboratorio per le giovani start-up.

Ad ufficializzarlo, nel corso del convegno di Fiepet-Confesercenti Palermo tenutosi nell’ambito di ExpoCook, l’assessore alle Attività produttive, Sergio Marino che – spiega la nota di Confesercenti – «ha affrontato anche i temi dei finanziamenti europei per e della formazione per le imprese. Marino ha preannunciato l’intenzione dell’Amministrazione di creare un Centro congressi e un’area per le start up imprenditoriali nei locali della ex Fiera del Mediterraneo».

convegno-fiepet-confesercenti-palermo-marino-attinasi«È un’idea condivisibile – ha sottolineato Mario Attinasi, presidente di Confesercenti Palermo – che può dare una risposta alla mancanza di un centro congressi a Palermo e alla necessità di un orientamento per i giovani che vogliono fare impresa».

Lo studio di fattibilità era inserito nel “piano programma” presentato nel 2013 dal Rotary Club, con gli architetti soci Maurizio Carta e Fausto Provenzano. Il progetto prevedeva un costo stimato di 101 milioni di euro e 4 fasi di lavori: 

  • La prima (costo stimato, 25 mln) prevede la riqualificazione architettonica dei padiglioni 16 e 20 con un design moderno. Il n. 20 avrà una sala plenaria con 3.600 posti a sedere, sale regia, hall, guardaroba, wc e zona catering; il n. 16, invece, sala banchetti per 1.240 coperti. I padiglioni rilevanti sul piano architettonico, saranno mantenuti e destinati a sale stampa, accoglienza, bazar, posti di polizia, agenzie viaggi, agenzia poste e banca, set cinematografici, un parcheggio a raso da 700 posti.
  • La fase 2 (da 3 mln) consiste nella demolizione dei padiglioni vecchi e degradati;
  • la fase 3 è la più costosa (71 mln) e si attuerà se la città si attesterà con successo come polo congressuale forte. Essa prevede la costruzione di un gigantesco Centro Congressi sul modello di Barcellona, con un parcheggio interrato (lato ingresso secondario).
  • L’ultima fase (1,5 mln) è la demolizione dei padiglioni 16 e 20 e la creazione di un parco urbano.

Sfoglia la foto-gallery con i rendering dell’Architetto Provenzano:

Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]
Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]
Piano Preogramma del 2013
Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]
Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]

Per realizzare il progetto però il Comune (non avendo risorse proprie) pubblicò 5 anni fa un bando internazionale con la formula del project financing. Bando che tuttavia non ottenne successo: nel 2014 arrivarono 4 buste con proposte che però non furono mai accolte. Tra queste, una della cordata di imprenditori siciliani del gruppo Ance, Confindustria e Lega Cooperative.

L’obiettivo dell’Amministrazione era creare con capitali privati: un Centro Congressi di almeno 3 o 4 mila posti «eventualmente suddivisibile in sale di minore capienza»; un hotel di lusso, «pari o superiore a 5 stelle, con al massimo 250 posti letto»; spazi per attività ristorative, commerciali, espositive e di intrattenimento. I padiglioni rilevanti sul piano architettonico saranno mantenuti e destinati a sale stampa, accoglienza, bazar, posti di polizia, agenzie viaggi, set cinematografici, aree parcheggio adeguate e un ampio parco urbano che avrà una «superficie non inferiore al 30% del totale».

Nei prossimi giorni il Comune potrebbe dunque riprovarci, ripubblicando il bando.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Ieri 19:26