Comune di Palermo; via libera a 312 assunzioni nelle Partecipate :ilSicilia.it
Palermo

Approvata la delibera

Comune di Palermo; via libera a 312 assunzioni nelle Partecipate

di
3 Novembre 2019

Le aziende partecipate del Comune di Palermo potranno tornare ad assumere tra nuovo personale e cessioni da altre società comunali 312 dipendenti, grazie a quello che da palazzo delle Aquile salutano come “ritrovato equilibrio finanziario”.

La giunta municipale  ha approvato il provvedimento che dà il via libera ai ‘Piani del fabbisogno di personale delle società partecipate per il triennio 2019/2021.

In particolare le aziende coinvolte sono: Amap per 20 unità, Amat, 121 unità Amat, Rap 154 unità e Amg 27, compresi i lavoratori che potranno transitare, grazie appunto al cosiddetto ‘Piano delle cessioni’, da una partecipata all’altra. In particolare, Amap ricerca dirigenti, quadri e funzionari tecnici e amministrativi; Amat ha bisogno di 100 autisti, 1 direttore generale e 1 direttore d’esercizio del tram, 1 avvocato, 10 operatori di manutenzione per l’officina, 5 capi unità, 1 perito informatico, 1 addetto social media e 1 giornalista ed ancora 14 dipendenti in mobilità verticale per le necessità di sicurezza degli impianti e dell’esercizio su gomma e su ferro. Inoltre, Amg Energia ricerca figure di vari livelli da destinare alla direzione generale, alla direzione gestione reti gas, alla direzione pubblica illuminazione ed energia e alla direzione patrimonio e logistica.

Infine, Rap necessita di 2 dirigenti tecnici, 77 addetti raccolta differenziata, 33 allo spazzamento meccanizzato, 12 allo svuotamento cestini e 33 unità destinate alla raccolta indifferenziata. Approvato il provvedimento, le aziende potranno, dunque, avviare il percorso di selezione per il nuovo personale e di conseguenza le procedure concorsuali.

“Il piano delle assunzioni e degli adeguamenti contrattuali delle partecipate – dichiara il sindaco Leoluca Orlando – è il punto di arrivo di un lungo percorso, cominciato sette anni fa con il salvataggio dei lavoratori e dei  servizi allora gestiti da Amia e da Gesip e proseguito con l’adozione degli strumenti finanziari consolidati che hanno fatto chiarezza sullo stato di salute del sistema Comune-Partecipate nel suo complesso.

Un percorso che, nonostante in questi anni le aziende siano state ingessate da norme nazionali sulle assunzioni troppo rigide e unicamente mirate al contenimento della spesa, permette ora di guardare al futuro, sempre con attenzione alla sostenibilità finanziaria del sistema nel suo complesso, al riconoscimento di diritti, doveri e professionalità dei lavoratori, al miglioramento dei servizi per i cittadini.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro