18 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.56

Dura presa di posizione del deputato dem

Comuni in dissesto, Rei e differenziata, attacco di Lupo: “Governo Musumeci non ha rispetto dell’Ars” | VIDEO

5 Dicembre 2018

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Soppressione del Reddito di inclusione, contributo ai comuni in dissesto e predissesto e abolizione della premialità per gli enti locali che superano il 65% della raccolta differenziata. Giuseppe Lupo, capogruppo del Partito Democratico all’Ars, attacca il governo Musumeci, reo, secondo l’ex vicepresidente dell’Ars, di agire “in modo schizofrenico e di non essere nelle condizioni di governare“.

Diverse le accuse di Lupo all’esecutivo. Sulla soppressione di cinque milioni destinati al reddito di inclusione sociale: “Le leggi devono essere rispettate, il governo Musumeci non solo non le attua, ma addirittura propone l’abrogazione della norma sostanziale: cinque milioni non dati alle famiglie povere“. Fatto che per Lupo denota una mancanza di rispetto nei confronti del Parlamento regionale.

Attacco dell’esponente del Pd anche sul taglio di tre milioni dei cinque della premialità, prevista in variazione di bilancio, per i Comuni che hanno superato il 65% di raccolta differenziata: “Risorse – dice Lupo – sulle quali facevano conto i sindaci per chiudere i bilanci. Questo è un modo insensato di procedere. Ieri il direttore del dipartimento Energia e Rifiuti ha detto che non si sa quali sono i comuni che hanno superano la soglia di premialità perché l’Arpa non li ha certificati. E pensare che il governo Musumeci aveva addirittura minacciato il commissariamento dei comuni che non raggiungevano la soglia del 65%“. E dopo avere paventato la possibilità di altri dissesti, ammonisce: “Occorre attuare un principio di equità: giusto andare incontro alle esigenze del Comune di Catania, ma non possiamo consentire che la Sicilia sia divisa in comuni di serie a e di serie b“.

Secondo Lupo è stata delusa anche l’aspettativa delle consulte giovanili, il cui contributo da 500 mila euro viene definanziato in variazione di bilancio: “Una responsabilità gravissima che il governo si assume, perché accresce la sfiducia nelle istituzioni democratiche“. Infine, la conclusione del deputato regionale: “Inaspriremo la nostra opposizione dentro e fuori dal Palazzo, contro l’atteggiamento gravemente omissivo del governo“.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.