Comuni, vertice Anci-Musumeci: "Serve riforma, modello sia conferenza Stato regioni" :ilSicilia.it

Incontro istituzionale a Palazzo d'Orleans

Comuni, vertice Anci-Musumeci: “Serve riforma, modello sia conferenza Stato regioni”

20 Dicembre 2018

Una collaborazione istituzionale finalizzata a una riforma organica dell’ordinamento degli Enti locali in Sicilia per rendere il confronto tra questi ultimi e la Regione “sistematico e fruttuoso” e per avviare un’interlocuzione “forte e coesa” con il Governo nazionale. Questa la principale novità emersa a Palazzo d’Orleans, a Palermo, durante l’incontro tra il Consiglio regionale dell’Anci Sicilia guidato dal presidente Leoluca Orlando e del quale erano presenti, tra gli altri, il segretario generale Mario Emanuele Alvano, i vicepresidenti Luca Cannata, Paolo Amenta, Giulio Tantillo e Alessandro Plumeri, e governatore Nello Musumeci, il vice presidente della Regione, Gaetano Armao, e gli assessori regionali Bernadette Grasso, Salvatore Cordaro, Alberto Pierobon, Sandro Pappalardo, Marco Falcone e Sebastiano Tusa. “Si è trattato di un confronto istituzionale importante fra i due massimi organi delle due istituzioni che non ha precedenti nel passato – spiegano dall’Associazione dei Comuni – e che ha sancito l’avvio di un proficuo dialogo finalizzato ad affrontare in maniera organica e congiunta le tantissime problematiche riguardanti i comuni, gli enti intermedi, e le città metropolitane della Sicilia“.

Apprezziamo la disponibilità del presidente Musumeci e dell’intera giunta di governo – ha detto Orlandoad aprire un confronto con gli enti locali siciliani e proponiamo in questa sede di costruire un’interlocuzione condivisa tra la Sicilia e il Governo nazionale con l’adozione del modello nazionale della Conferenza delle regioni“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Che Vuoi che Sia?

Basta che uno di questi missili venga lanciato “per errore”, che questi giocatori di Risiko non da tavolo, ma con le vite altrui, sbaglino ………. e un missile giunga su di noi, “finiu u cinema”!