Con Ferrandelli anche "Natale" di Ragazzi fuori. Il candidato che punta alla "movida" :ilSicilia.it
Palermo

Bisogna davvero essere dei Coraggiosi per proporre una candidatura in questo modo

Con Ferrandelli anche “Natale” di Ragazzi fuori. Il candidato che punta alla “movida”

di
19 Febbraio 2017

Ci sarà anche Natale Sperandeo di Ragazzi fuori, alias Francesco Benigno, a supportare attivamente alla candidatura di Fabrizio Ferrandelli come sindaco di Palermo. La testimonianza è in un video che lo stesso attore palermitano ha pubblicato sulla sua pagina facebook. Si candiderà al consiglio comunale proprio con Ferrandelli, fresco dell’appoggio di Micciché e Saverio Romano.

“La Movida sul lungomare di viale Messina Marina, il parcheggio comunale a piazza XIII vittime con delle navette che vi porteranno direttamente nella zona della movida, l’opportunità di chiedere attraverso la movida e di creare posti di lavoro”. Così recita l’attore, che si definisce “raggiante”, sulla sua pagina facebook; sembra più uno sketch ironico sui candidati che promettono posti di lavoro e aperture di nuove aziende (gelaterie, bar).

Bisogna davvero essere dei Coraggiosi per proporre una candidatura in questo modo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin