Con i pupi di Cuticchio, a Palermo un fine settimana fra miti e tradizioni :ilSicilia.it
Palermo

Prossimo appuntamento il 14 e il 15 aprile

Con i pupi di Cuticchio, a Palermo un fine settimana fra miti e tradizioni

di
13 Aprile 2018

Continua il programma di manifestazioni pensato e costruito per i settant’anni di Mimmo Cuticchio. Sabato e domenica, 14 e 15 aprile, alle 18,30, al Teatrino Santa Rosalia di via Bara all’Olivella, è in programma un altro degli spettacoli dei Figli d’arte: il figlio di Mimmo, Giacomo Cuticchio, puparo e musicista, proporrà un altro titolo dell’Opra più tradizionale: “Ruggiero libera Ricciardetto dal rogo”, una storia in cui è protagonista l’amicizia fraterna, quell’emozione che unisce le persone, che permette di partecipare e condividere anche imprese pericolose.

La vicenda, sintetizzata tutta dal titolo, focalizza l’attenzione su un sentimento antico, ma l’episodio è colmo imprese meravigliose e magiche, creature fantastiche e battaglie. I nuclei tematici e scenici che strutturano lo spettacolo ci sono tutti: dietro al legno, ai metalli, alle stoffe si nasconda una simbologia da cui trarre ancora una conoscenza fruttuosa.

Il prossimo weekend, 21 e 22 aprile, la rassegna chiuderà i battenti con “Primo amore di Ruggiero e Bradamante”.

Per gli spettacoli: biglietti 10 e 5 euro.

Il 18 aprile, alle 18,30 al laboratorio di via Bara, si presenta il video di Mimmo CuticchioL’opera dei pupi di Palermo”; e il 20 aprile, alle 18 a Villa Zito, il libro “Alle armi cavalieri” pubblicato da Donzelli, che racchiude la memoria del puparo.

70 pupi di opranti e pupari. Una mostra, ma anche un omaggio sincero non soltanto a chi ha preceduto Mimmo Cuticchio, ma anche a quelle mani che gli hanno insegnato a forgiare i metalli, sbalzare uno scudo, intagliare una testa, manovrare un pupo. “70 pupi di opranti e pupari” – al laboratorio dei Figli d’Arte Cuticchio, nel cuore di via Bara all’Olivella, dove resterà fino al 22 aprile, visitabile a ingresso libero dal martedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19 – è fatta di settanta teste, settanta corpi, settanta pupi.

Da quando mi sono staccato dal “carro” di mio padre per aprire il mio teatro – ricorda Cuticchio -, con il “mestiere” che piano piano mi sono costruito, ho anche raccolto pupi realizzati da vari opranti, pupari o semplici amatori che testimoniano la differenza stilistica tra un costruttore e l’altro. Greco, Canino, Modica, Bagnasco, Consiglio, Pirrotta, Di Girolamo, Amante, Celano sono i maestri a cui devo il mio mestiere”.

 

i-70-anni-di-mimmo-cuticchio-programma

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin