Con la caponata, la Sicilia è in tavola | LA RICETTA :ilSicilia.it

Una gustosa ricetta della nostra tradizione

Con la caponata, la Sicilia è in tavola | LA RICETTA

di
10 Settembre 2018

La ricetta con cui apriamo questa settimana è la caponata, uno dei piatti più rinomati della cucina siciliana, che è più facile da preparare di quanto si pensi. Sull’etimologia varie sono le ipotesi: la prima la lega allo spagnolo “caponada“, simile, ma non buona quanto la nostra. Campanilismo? No, verità. La seconda, invece, a “capone“, nome con cui, in alcune zone della Sicilia, viene chiamata la “lampuga, una specie ittica dalla carne pregiata che veniva servita nelle tavole dell’aristocrazia e condita con la salsa agrodolce tipica della caponata. Il popolo, anche questa volta, non potendo permettersi il costoso pesce, lo sostituì, genialmente, con le economiche melanzane, creando il piatto che è giunto fino a noi. La terza, infine, a “caupone“, taverne dei marinai.

La Caponata da piatto regionale, oggi si direbbe “glocal”, è diventato “global” nel 1869 grazie alla famiglia Pensabene e, dal 1916, alla Fratelli Contorno, stirpe palermitana di conservieri. Prodotta industrialmente, era  inscatolata in lattine realizzate e saldate a mano e, così, commercializzata e apprezzata in tutto il mondo, in particolare modo negli USA dove gli emigrati siciliani ritrovavano i sapori della loro terra.

La ricetta di oggi si rifà alla caponata palermitana, ma tante sono le varianti: la agrigentina, la trapanese, la catanese, la messinese, tutte buonissime, che racconteremo, più in là e dettagliatamente, per dargli il giusto risalto.

Ingredienti per 4 persone:

  • 6 melanzane lunghe
  • 1 grosso sedano
  • 1 cipolla
  • 300 g di olive verdi denocciolate
  • 3 cucchiai di capperi sott’aceto
  • 1/2 di salsa di pomodoro
  • 1 bicchiere di aceto
  • 2 cucchiai di zucchero
  • sale
  • foglie di basilico per guarnire

Procedimento

caponataSciacquate le melanzane, togliete il picciolo assieme alla punta, tagliate in verticale una striscia e riducetele a cubetti piuttosto grossi.

Friggete le melanzane in abbondante olio bollente, fatele sgocciolare su carta assorbente e salate.

Pulite il sedano, eliminando le foglie verdi; tagliatelo a pezzi e sbollentatelo in acqua salata.

In un ampio tegame soffriggete la cipolla affettata e, non appena imbiondita, aggiungete il sedano, precedentemente bollito, le olive tagliate a pezzi, i capperi sott’aceto e la salsa di pomodoro. Fate cuocere e unite lo zucchero e l’aceto, che farete sfumare.

A cottura quasi ultimata aggiungete i cubetti di melanzane, fateli insaporire per qualche minuto e rimestate delicatamente. Consumare, preferibilmente, fredda.

Buona caponata a tutti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin