Un'orazione civile racconterà il sacrificio di Falcone e Borsellino :ilSicilia.it
Palermo

DIRETTA DA PALERMO CON COLLEGAMENTI DA VARI LUOGHI DELLA CITTA'

Un’orazione civile racconterà il sacrificio di Falcone e Borsellino

di
17 Maggio 2017

Il racconto che Fabio Fazio proverà a condividere con il pubblico martedì 23 maggio, in un programma in diretta televisiva su Rai1 da via D’Amelio, in occasione del venticinquesimo anniversario dalle stragi del ’92, sarà nella forma di un’epica contemporanea intitolata “FALCONEeBORSELLINO”.

Lo ha annunciato alla conferenza stampa che ha tenuto nelle sedi Rai di Palermo alla presenza di Francesco Piccolo, coautore con lui dei testi, e Rosanna Pastore, vicedirettore di Rai1.

Dopo una riunione organizzativa per definire gli ultimi dettagli di quella che si presenta come una lunga staffetta di dirette da diversi angoli della città, il conduttore ha spiegato meglio l’intenzione con cui è stata pensata questa serata.

“Spero di non essere frainteso – ha detto Fazio – ma ci tengo a dire che il racconto che abbiamo provato a scrivere non è pensato per voi siciliani che vivete questa storia quotidianamente, anche a distanza di tanti anni. L’idea nasce da una mia esigenza personale di far sapere a chi non c’era, ai miei figli che sono ancora piccoli, a tutti coloro che non li conoscono, i contorni di questa storia che, a parer mio, ha un che di mistico, quasi di religioso nell’andare incontro ad un destino che il dottore Falcone e il dottore Borsellino avevano ben chiaro sin dall’inizio. Proveremo a raccontare questa pagina della storia che appartiene a tutti, cogliendo l’anima dei luoghi che sono stati coinvolti”.

Numerosi i collegamenti previsti dal palazzo di Giustizia, l’Aula Bunker con il contributo di Ottavia Piccolo, la biblioteca di Casa Professa, gli scogli dell’Addaura e la spiaggia di Mondello, da dove verrà riproposto il bagno a mare con le magliette rosse.

E ancora verranno coinvolti la Questura, l’ufficio di Falcone e quello di Borsellino, la piscina comunale, via Notarbartolo con l’albero di Falcone e, per concludere Capaci, sul luogo esatto della strage.

“Abbiamo deciso di chiudere la serata proprio dal tratto dell’autostrada a Capaci dove scoppiò la bomba – ha continuato Fazio – perché vogliamo che ogni gesto abbaia un significato ben preciso nel nostro racconto. Vogliamo andare lì con le telecamere della tv di stato a riprenderci ogni metro quadrato di città che quella sera cercarono di toglierci”.

Sul palco a condurre la serata con il presentatore ci saranno Pif e Roberto Saviano.

“La nostra non sarà un’inchiesta giudiziaria – ha aggiunto Fazio – ma un’orazione civile. Con molta umiltà cercheremo di raccontare una storia che tutt’oggi non è conclusa, puntando l’attenzione sugli aspetti personali dei protagonisti, rispettando i superstiti, provando a non omettere nessun passaggio. Oggi Palermo, a distanza di venticinque anni non fa più paura come allora, arrivando in città si sente tutta la vitalità e si vede tutta la bellezza che per anni erano state cancellate. Penso che l’indicibile può essere raccontato solo, in qualche modo, dall’arte che per quanto comunque imprecisa è la forma che restituisce maggiore potenza ai fatti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin