Conad lancia la sfida: investimento da 12 milioni in Sicilia | FOTO | ilSicilia.it :ilSicilia.it

il network sfiorerà una superficie di 90.000 mq

Conad lancia la sfida: investimento da 12 milioni in Sicilia | FOTO

di
21 Marzo 2019
Rendering Ce.di Modica ampliato
Vittorio Troia, direttore generale Conad Sicilia

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Un investimento di 12 milioni di euro per potenziare gli asset logistici. L’obiettivo di Conad Sicilia è chiaro: anticipare il futuro con una logistica d’avanguardia in grado di gestire flussi, merci ed esigenze della rete di negozi dei soci. E mentre pianifica, Conad Sicilia conferma nell’Isola la sua leadership di insegna sul mercato con una quota del 15.5% e del 21% nella vendita dei prodotti a marchio dell’insegna, superando con quest’ultima di oltre 10 punti percentuali i competitor siciliani.

Attualmente, Conad Sicilia ha un network logistico composto da 7 siti logistici per quasi 67.000 mq di superfici per alimentare secco, a temperatura controllata e surgelati. Il tutto articolato su 2 poli: Palermo (che include i Centri distribuzione dell’area Carini, Capaci, Partinico) e Modica (che include i Centri distribuzione di Modica e Ispica).

Mentre a Catania ha sede il deposito primario per il flusso dei surgelati. Ma per competere nei prossimi anni in Sicilia, la cooperativa siciliana ha deciso non solo di confermare il proprio impegno ma addirittura di moltiplicare i suoi sforzi con un nuovo assetto del network distributivo e un importante investimento da oltre 12 milioni di euro che getterà le basi per uno sviluppo basato sul servizio e l’integrazione della supply chain. Alla fine di questo percorso di investimenti e di potenziamento, il network sfiorerà una superficie di 90.000 mq con una capacità di servizio di oltre il 40% in più e importanti ricadute sul tessuto economico, generate dall’indotto.

Attualmente sono oltre 300 i posti di lavoro nell’indotto dei depositi e si arriva a 500 se si considerano anche i trasportatori.

Vittorio Troia, direttore generale Conad Sicilia
Vittorio Troia, dg Conad Sicilia

“Il settore distributivo in Sicilia – spiega Vittorio Troia, direttore generale CFO di Conad Sicilia – sta vivendo una fase di grande trasformazione. La Gdo ha dovuto fare i conti con un importante calo dei consumi, in particolar modo di quelli alimentari, e con un ulteriore impoverimento del carrello della spesa. E in un contesto economico come quello siciliano che fa sempre più fatica a riprendersi, numerosi player della distribuzione siciliana non hanno retto e sono stati travolti dalla crisi economica. 

In questo difficile contesto, Conad Sicilia con i suoi 181 soci imprenditori siciliani continua a crescere, rafforzando la sua leadership nella regione e soprattutto ad investire sul territorio, dimostrando la forza del modello cooperativo per la crescita dell’impresa siciliana. Gli elementi chiave del nostro successo sono: la centralità del socio imprenditore – basata su una strategia che ha come motore di sviluppo l’uomo e l’impresa familiare associata –, la competitività dell’offerta garantita dal rapporto qualità-convenienza, lo sviluppo dei prodotti a marchio Conad, la grande attenzione ai freschi e il forte legame con il territorio, confermato dagli oltre 300 fornitori locali, costantemente presenti nei nostri banchi e scaffali. Una formula commerciale che integrata con la nostra identità cooperativa, fondata su principi di mutualità, di solidarietà e di partecipazione dei nostri soci, risulta sempre vincente”.

L’investimento arriva a completamento di un piano ambizioso iniziato alla fine del 2017 con la rivisitazione dei flussi e l’armonizzazione delle rotazioni nei due grandi poli logistici di Conad Sicilia. Il secondo step, che si è concluso a fine 2018, è stato quello di cambiare il modello operativo e di approvvigionamento sostenendo il crescente volume distribuito, che ha raggiunto la cifra record di oltre 56 mln di colli annui. Si è investito integrando il mondo del fresco industriale e completando il network delle piattaforme ortofrutta con l’apertura di quella di Ispica (RG) nel pieno intento di minimizzare i chilometri percorsi da parte dei fornitori e utilizzare al meglio le risorse e i prodotti del territorio. Sono circa un centinaio infatti i piccoli produttori agricoli del territorio che nell’ultimo anno hanno fatto il loro ingresso nei supermercati siciliani, per portare sulle tavole dei clienti prodotti rigorosamente made in Sicily.

Per affrontare le nuove sfide del futuro bisogna recuperare efficienza e risparmio da trasferire al cliente. Il forte investimento nello sviluppo logistico di Conad Sicilia assicurerà alla cooperativa un differenziale competitivo per affrontare uno sviluppo qualificato in quelle aree del territorio, come la Sicilia orientale, in cui ha ancora ampi margini di crescita. La scelta è quella di un modello di outsourcing logistico basato su operatori specializzati sia nella gestione dei depositi che nei trasporti e che garantiscano servizio e qualità nella gestione delle merci all’interno della rete distributiva, una fonte di sviluppo che avrà importanti ricadute occupazionali sul territorio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin